Lubomyr Melnyk in concerto in Italia

int articolo  

precursore della ‘continuous music’, il pianista più veloce al mondo torna
con un nuovo sorprendente album in uscita

 il 7 dicembre per Erased Tapes/Audioglobe

 

LUBOMYR MELNYK 

presenta 


‘FALLEN TREES’

ad anticipare ‘Fallen Trees’ il brano ‘Son Of Parasol’, un ipnotico flusso di note: 

https://soundcloud.com/erasedtapes/lubomyr-melnyk-son-of-parasol

fallen trees 

Tracklist:

1.Requiem for a Fallen Tree 2. Son of Parasol 3. Barcarolle 4. Fallen Trees – Part I: Preamble 5. Fallen Trees – Part II: Existence 6. Fallen Trees – Part III: Apparition 7. Fallen Trees – Part IV: They Are Down 8. Fallen Trees – Part V: Not Forgotten


Lubomyr Melnyk in concerto in Italia
:

14 ottobre, Genova, Palazzo Spinola
25 ottobre, Trento, Teatro Sanbàpolis
26 ottobre, Napoli, Fondazione Pietà dé Turchini, Chiesa di Caterina da Siena

 

 

E’ in uscita il 7 dicembre su etichetta Erased Tapes Record/Audioglobe ‘Fallen Trees’, il nuovo album di Lubomyr Melnyk, singolare talento noto anche come ‘il profeta del piano’, per via della sua devozione allo strumento. La pubblicazione del disco coincide con il settantesimo compleanno dell’artista e, a dispetto del titolo, è in realtà una raccolta di brani vibranti ed altamenti energici, grazie sicuramente alla capacità di Lubomyr di creare un flusso ininterrotto di note che scorrono velocissime, tra la neoclassica e la più rigida impostazione classica, un magico fluire connesso alla natura, un fiume in piena di estatica energia. Il brano che da il titolo al disco, ‘Fallen Trees’, una sequenza di cinque composizioni per circa 20 minuti, è forse il brano più ambizioso e rappresentativo dell’intera carriera musicale di Lubomyr, arricchito dalla voci di alcuni artisti di casa Erased Tapes, dalla giapponese Hatis Noit, ad Anne Müller fino a David Allred.

Lubomyr Melnyk

“my whole body is transformed as I play, it honestly feels like that. My fingers feel like the winds of the world;
it feels like you’re physically transcending dimensions.”
 Lubomyr Melnyk

Praise for 2015’s ‘Rivers And Streams’:

“It’s very human—serenity delivered through sustained concentration and ecstatic energy,
via a lifetime of practice and perfection”
7.2 — Pitchfork

 

“Melnyk’s truly defining quality is surely the constant tingle that his music leaves
in your heart”
★★★★★ — The Guardian

 

“Performing piano to rapturous effect” Drowned In Sound

 

“His playing is like looking at a starry sky, the notes arrayed in front of you and laying on top of you,
twinkling at their own intervals
★★★★ — Tiny Mix Tapes

Cascades of notes, canyons and rivers of sound: there’s something about his music that channels the natural world at its most awe-inspiring. In ‘Fallen Trees’ the connection with the environment continues, taking its cue from a long rail journey Melnyk made through Europe. Glancing out of the window as the train passed through a dark forest, he was struck by the sight of trees that had recently been felled. “They were glorious,” he says. “Even though they’d been killed, they weren’t dead. There was something sorrowful there, but also hopeful.” That sense of sadness touched by optimism infuses the album, too: rarely has Melnyk made music so shot through with melancholy and regret, but which sounds so rapt, even radiant.

Drawing comparisons with Steve Reich and the post-rock group Godspeed You, Black Emperor!, Pitchfork praised his 2015 album ‘Rivers And Streams’ for it’s “sustained concentration and ecstatic energy”.  That energy is present in ‘Fallen Trees’ too, but at points the tone is quieter, the mood darker and more wistful. At points elsewhere on the album, despite being rooted in the wonders of the natural world, there’s a kaleidoscopic quality in the fractal flurry of notes and the broad spectrum of colour they summon. The work that gives it its name, the five-part, 20-minute ‘Fallen Trees’, is one of the most ambitious and demanding pieces he has ever created. Though the music is – as ever – Melnyk’s own, ‘Fallen Trees’ once again features a number of Erased Tapes artists. Japanese vocal artist Hatis Noit, whose first EP ‘Illogical Dance’ came out to much acclaim earlier this year, lends ethereal vocals, floating mysteriously above the surface of Melnyk’s eddying piano lines before diving far beneath. Other contributors include Berlin-based cellist Anne Müller, a sometime collaborator with Nils Frahm, and American singer David Allred, the most recent addition to the label family. “More than any of the albums that I’ve done, it’s a real collaboration,” Melnyk insists, emphasising how much he owes to his producer, Erased Tapes founder Robert Raths.

Born in the Ukraine in 1948, Melnyk fell for the piano at an early age. Given lessons as a young child after his family emigrated to Canada after the iron curtain came down, he was immediately transfixed by the possibilities of the instrument. “On the piano, you can create whole worlds,” he reflects. “I realised that it could be an orchestra, a choir of sound.” After studying classical piano and graduating with a degree in Latin and Philosophy from St Paul’s College in Winnipeg, in the early 1970s Melnyk found himself in Paris. Homeless and in desperate need of money, he supported himself by accompanying dance lessons for a company run by the experimental choreographer Carolyn Carlson. The experience became a kind of epiphany: watching Carlson’s dancers, he began to play a new kind of music, spontaneous and improvisatory – responding not to rigid classical conventions but the dance he saw unfolding. Using the sustain pedal to create echo and reverb, he transformed free-flowing cascades of notes into hypnotic waves of sound. Eventually he found a name for this new style: ‘continuous music’, which he uses to this day.

Critics have detected the influence of Ravi Shankar and other Indian styles in Melnyk’s music, along with the insistent, repetitive textures of minimalist pioneers such as Steve Reich and Philip Glass. Melnyk himself cites his debt to the American composer Terry Riley, particularly the legendary 1964 work ‘In C’, which he says “opened the world for me”. But he adds that if you listen carefully, you’ll also be able to hear the lilting contours of traditional Ukrainian folk music.

It might be truer to say that there is genuinely nothing quite like Melnyk’s work: a unique musical pioneer, he has defiantly carved his own path. “I don’t say to people I’m a composer,” he declares. “I don’t know what I am.” Melnyk composes, as he plays, at the piano, feeling out lines and individual rhythmic cells that bubble, undulate and gradually expand into vast, interlinked frameworks. Asked to describe what it’s like to live inside his music, he says “my whole body is transformed as I play, it honestly feels like that. My fingers feel like the winds of the world; it feels like you’re physically transcending dimensions.”

 

www.lubomyr.comwww.facebook.com/lubomyrmelnykwww.erasedtapes.com 

 

FOLLOW JA.LA MEDIA ACTIVITIES

FACEBOOK
INSTAGRAM

Promo Ref:
Laura Beschi

laura@jalamediaactivities.com

339 7154021

 

 

“Quando il cinema ed il jazz s’incontrano…”, il concerto per sax e pianoforte che rilegge le iconiche canzoni per il cinema

Fondazione Pietà de’ Turchini

Gallerie d’Italia – Palazzo Zevallos Stigliano

presentano

Sabato 28 luglio alle 18.30

“Quando il cinema ed il jazz s’incontrano…”, il concerto per sax e pianoforte che rilegge le iconiche canzoni per il cinema  

nell’ambito della rassegna “All’ora che volge il disio”

Gallerie d’Italia – Palazzo Zevallos Stigliano
Via Toledo 185, Napoli

 

Sabato 28 luglio alle ore 18.30 la Fondazione Pietà de’ Turchini e Gallerie d’Italia – Palazzo Zevallos Stigliano presentano “Quando il cinema ed il jazz s’incontrano…”, il concerto del duo, composto da Andrea Pace al sax e Andrea Zanchi al pianoforte, che reinterpreta le canzoni che sono state il tema delle colonne sonore più famose del cinema di tutti i tempi. La performance chiude la rassegna “All’ora che volge il disio”, che ha alternato gli appuntamenti di jazz a quelli della tradizione musicale e strumentale del territorio, con successo di pubblico e affluenza di turisti. In “Quando il cinema ed il jazz s’incontrano…” il sax di Andrea Pace e il pianoforte di Andrea Zanchi rileggono brani come “Singin’ in the Rain”, con il testo di Arthur Freed e la musica di Nacio Herb Brown, ma soprattutto l’interpretazione di Gene Kelly nell’omonimo film del 1952. E ancora “Roma nun fa la stupida stasera”, composta da Armando Trovajoli per il “Rugantino” di Garinei e Giovannini nel 1962. “Days of Wine and Roses” e “Moon River”, cantata, quest’ultima, da Audrey Hepburn in “Colazione da Tiffany” sono i due capolavori della medesima coppia artistica, formata dal compositore Henry Mancini e dal paroliere Johnny Mercer, mentre “Ma l’amore no”, scritta e interpretata da Lina Termini nel 1943, è proposta nell’arrangiamento di Ennio Morricone per “Malena” con Monica Bellucci, diretto da Giuseppe Tornatore. “Playing in Love”, composta da Ennio Morricone, è stata premiata con un Golden Globe per la migliore colonna sonora originale, insieme con gli altri trenta brani che compongono le musiche di “La leggenda del pianista sull’oceano”, il film del 1998 per la regia di Giuseppe Tornatore, tratto dal monologo teatrale “Novecento” di Alessandro Baricco. E persino “Some day my prince will come” con il testo di Larry Morey e le musiche di Frank Churchill, interpretata dall’attrice italo-americana Adriana Caselotti che diede la voce a Biancaneve nell’omonima pellicola Disney del 1937. Infine “Malafemmena”, di Totò, che ispirò l’omonimo film diretto nel 1957 da Armando Fizzarotti.
Ingresso libero fino a esaurimento posti disponibili.

Per informazioni 081402395, coordinamento@turchini.it, www.turchini.it

e 800.454229 o info@palazzozevallos.com.

 

Fondazione Pietà de’ Turchini

Gallerie d’Italia – Palazzo Zevallos Stigliano

“All’ora che volge il disio”

 

“Quando il cinema ed il jazz s’incontrano…”

sabato 28 luglio alle ore 18.30

Gallerie d’Italia – Palazzo Zevallos Stigliano

Via Toledo 185, Napoli

 

Andrea Pace sax

Andrea Zanchi pianoforte

 

Programma
“Singin’ in the Rain”

“Ma l’amore no”

“Laura”

“Some day my prince will come”

“Roma nun fa la stupida stasera”

“Night and Day”

“Days of Wine and Roses”

“Moon River”

“Malafemmena”

“Playing in Love”

 


Fondazione Pietà de’ Turchini
Ufficio Stampa
Rosa Criscitiello
345 59 96 167
351 01 78 836
rosacriscitiello@gmail.com

Sabato 21 luglio alle 18.30 “I Gusti del Suono”

Fondazione Pietà de’ Turchini

Gallerie d’Italia – Palazzo Zevallos Stigliano

presentano

Sabato 21 luglio alle 18.30 “I Gusti del Suono”, l’omaggio al compositore settecentesco partenopeo Emanuele Barbella

nell’ambito della rassegna “All’ora che volge il disio”

Gallerie d’Italia – Palazzo Zevallos Stigliano
Via Toledo 185, Napoli

 

Sabato 21 luglio alle ore 18.30 la Fondazione Pietà de’ Turchini e Gallerie d’Italia – Palazzo Zevallos Stigliano presentano “I Gusti del Suono”, il concerto che

riscopre, in occasione del tricentenario della nascita, l’eredità musicale del compositore e violinista Emanuele Barbella, maestro della Scuola Musicale Napoletana del Settecento. Mauro Squillante al mandolino, Vincenzo Bianco al violino e Davor Krkljus al clavicembalo omaggiano, con l’esecuzione di un repertorio brillante, la visione umoristica della scuola d’Arcadia declinata dal compositore napoletano, in cui la musica fa da sfondo alle tipiche scene pastorali dettate dal gusto del tempo, le quali sono rese ancora più colorite ed improbabili dalla irriverente immaginazione del violinista e autore partenopeo. Amata da Lord Hamilton, ambasciatore inglese a Napoli, la musica di Barbella ebbe occasione, presso la dimora napoletana di Lord Fortrose, di incontrare e certamente influenzare, tra maggio e giugno del 1770, quella di Leopold e Wolfgang Mozart, contribuendo alla formazione della cifra buffa e mediterranea della futura musica mozartiana.

Ingresso libero fino a esaurimento posti disponibili.

Per informazioni 081402395, coordinamento@turchini.it, www.turchini.it

e 800.454229 o info@palazzozevallos.com.

 

Fondazione Pietà de’ Turchini

Gallerie d’Italia – Palazzo Zevallos Stigliano

“All’ora che volge il disio”

 

“I Gusti del Suono”

sabato 21 luglio alle ore 18.30

Gallerie d’Italia – Palazzo Zevallos Stigliano

Via Toledo 185, Napoli

 

Mauro Squillante, mandolino

Vincenzo L. A. Bianco, violino

Davor Krkljus, clavicembalo

 

Programma
Emanuele Barbella (Napoli 1718-1777)
Duetto IV in Re Maggiore per Mandolino, violino e basso continuo

 

Allegretto brillante e staccato, Andantino e Grazioso
(Una vezzosa Pastorella alla Campagna)

Taice in Rondon, presto
(il Dio Bacco mette in allegria una donna Germanica e l’induce a digerire il vino ballando)

Sonata lll in Re Maggiore per Violino e Basso
Allegretto, Larghetto, Presto Brillante – Veneziana

Sonata in Re Maggiore per Mandolino e Basso

Largo, Allegro, Andantino alla Francese, Fugato

 

Larghetto e con Gusto da Sonata VI per violino e Basso

 

Concerto in Re Maggiore per Mandolino archi e Basso continuo

(Adattamento per Mandolino, Violino e Basso a cura di Vincenzo Bianco)
Allegro ma non presto, Andantino, Giga-Allegro

 


Fondazione Pietà de’ Turchini
Ufficio Stampa
Rosa Criscitiello
345 59 96 167
351 01 78 836
rosacriscitiello@gmail.com

“Scugnizzo Danise” Jazz nell’ambito della rassegna “All’ora che volge il disio”

Fondazione Pietà de’ Turchini

Gallerie d’Italia – Palazzo Zevallos Stigliano

presentano

“Scugnizzo Danise” Jazz suona “Saravà”, il viaggio in musica tra Mediterraneo e Tropici

nell’ambito della rassegna “All’ora che volge il disio”

Sabato 14 luglio alle 18.30
Gallerie d’Italia – Palazzo Zevallos Stigliano
Via Toledo 185, Napoli

 

Sabato 14 luglio alle ore 18.30 la Fondazione Pietà de’ Turchini e Gallerie d’Italia – Palazzo Zevallos Stigliano presentano “Scugnizzo Danise” Jazz, il concerto nell’ambito del quale il pianista Vincenzo Danise, in arte Danise, suona il progetto “Saravà”, frutto di un viaggio in Amazzonia dell’artista napoletano. “Saravà”, che nelle culture afro-brasiliane ha la funzione di un mantra, con la sillaba “Sa” ad indicare la Forza e Dio, “Ra” con il senso di Regnare e Movimento e “Và” con quello di Natura ed Energia, si compone di dieci brani originali, che Danise esegue insieme ad Antonio Di Costanzo al contrabbasso e a Gianluca Brugnano alla batteria. Dieci pezzi nell’ambito dei quali la tradizione classica (come nel caso di “La mia villanella”, rivisitazione delle canzoni profane della Napoli del XVI secolo) incontra il jazz mediterraneo di “Shunya Tango Mediterraneo” e le sperimentazioni strumentali, come in “Araliya”, accompagnata dal suono della “rammer drum”, variante partenopea della hang drum, la misteriosa percussione armonica creata in Svizzera da Felix Rohner e Sabina Schärer. E ancora, le ballate (“Partenope tra le onde”), e l’energia folkloristica di “‘E ‘Ca Tarantella”, con il basso di Massimo Moriconi, storico strumentista per Mina, con la quale ha collaborato alla creazione di quasi 30 album. E infine, le atmosfere del Brasile, come in “Saravà”, il brano che dà il nome al disco e che vede la partecipazione della cantante Mbarka Ben Taleb.

Ingresso libero fino a esaurimento posti disponibili.

Per informazioni 081402395, coordinamento@turchini.it, www.turchini.it

e 800.454229 o info@palazzozevallos.com.


Fondazione Pietà de’ Turchini
Ufficio Stampa
Rosa Criscitiello
345 59 96 167
351 01 78 836
rosacriscitiello@gmail.com

 

L’ensemble Appius in “…di Corde Pizzicate…”

Fondazione Pietà de’ Turchini

Gallerie d’Italia – Palazzo Zevallos Stigliano

presentano

L’ensemble Appius in “…di Corde Pizzicate…”, il viaggio musicale nel repertorio storico del mandolino

nell’ambito della rassegna “All’ora che volge il disio”

Sabato 7 luglio alle 18.30
Gallerie d’Italia – Palazzo Zevallos Stigliano
Via Toledo 185, Napoli

 

Sabato 7 luglio alle ore 18.30 la Fondazione Pietà de’ Turchini e Gallerie d’Italia – Palazzo Zevallos Stigliano presentano “…di Corde Pizzicate…”, il concerto dell’ensemble Appius (Luca Natale e Sergio Prozzo al mandolino, Francesco Natale alla mandola e Giuseppe Copia alla chitarra classica, battente e barocca) con le musiche originale e le trascrizioni per strumenti a pizzico. Il programma della performance, composto prevalentemente da autori romantici, post-romantici e i contemporanei Enrico Marucelli, Raffaele Calace e Eduardo Angulo, è pensato soprattutto come un viaggio storico nel repertorio del mandolino, abbinato a strumenti filologici quali la chitarra barocca e la chitarra battente, con i brani della tradizionale popolare, come le tarantelle secentesche, quelli classici e quelli novecenteschi. La performance inaugura “All’ora che volge il disio”, la serie di quattro appuntamenti estivi, tutti i sabati di luglio in orario pomeridiano, che procede dal successo della rassegna invernale “È aperto a tutti quanti”, la kermesse che ha animato, tutti i mercoledì e i sabati dal 17 marzo al 30 giugno, il salone centrale di Palazzo Zevallos Stigliano con le esecuzioni dei Conservatori della Campania, le Fondazioni e le organizzazioni musicali. Il ciclo di concerti di “All’ora che volge il disio”, a cura della Fondazione Pietà de’ Turchini, spazia dalla musica tradizionale del territorio al jazz di profilo internazionale, affiancando giovani talenti a professionisti di più consolidata esperienza.

Ingresso libero fino a esaurimento posti disponibili.

Per informazioni 081402395, coordinamento@turchini.it, www.turchini.it e 800.454229 o info@palazzozevallos.com.

 

“…di Corde Pizzicate…”, nell’ambito di “All’ora che volge il disio”

Fondazione Pietà de’ Turchini

Gallerie d’Italia – Palazzo Zevallos Stigliano


Sabato 7 luglio ore 18.30

 

Programma

 

“Mattinata”, Amedeo Amadei (1866-1935)
“Mazurka VI op. 141”, Raffaele Calace (1863 – 1934)
“Antitodum” e “Tarantella”, Anonimo, XV secolo
“Alla Montemaranese”, Anonimo
“Danza Spagnola”, Raffaele Calace (1863 – 1934)
“Suite Messicana” Eduardo Angulo (1954):

I Jarabe Colimeño,
II. Serenata,
III. Huapango Criollo,
IV. Vals
V. Polka

“Valzer Fantastico”, Enrico Marucelli (1873 1911)


Fondazione Pietà de’ Turchini
Ufficio Stampa
Rosa Criscitiello
345 59 96 167
351 01 78 836

“Elementare”: la performance del Collettivo Amigdala

La Fondazione Pietà de’ Turchini

presenta

“Elementare”: la performance del Collettivo Amigdala che animerà per una intera notte la chiesa di Santa Caterina da Siena con una staffetta sperimentale tra corpo e canto

Venerdì 6 luglio dalle 23 all’alba
Chiesa di Santa Caterina da Siena
via Santa Caterina da Siena 38, Napoli

 

Una intera notte nella navata centrale della Chiesa di Santa Caterina da Siena, quartier generale della Fondazione Pietà de’ Turchini, animata dalla performance site-specific, vale a dire concepita appositamente per la natura della location, dal titolo “Elementare” del collettivo teatrale Amigdala (Meike Clarelli, Sara Garagnani, Federica Rocchi, Gabriele Dalla Barba, Silvia Tagliazucchi). È quanto accadrà domani sera, venerdì 6 luglio dalle 23 all’alba, presso la Chiesa di Santa Caterina da Siena (via Santa Caterina da Siena 38, Napoli). Lo spettacolo è promosso dalla kermesse AltoFest, a cura di TeatrInGestAzione, in collaborazione con la Fondazione Pietà de’ Turchini. La performance, ad accesso continuo, si concretizzerà in una staffetta di sei voci e sei corpi in scena, che si relazioneranno con l’attesa, lo stupore, la partecipazione e persino il sonno del pubblico. Per l’occasione infatti, la Chiesa di Santa Caterina sarà allestita con materassi che permetteranno ai presenti di addormentarsi, per essere poi risvegliati dai canti e dal contatto con le attrici e gli attori. “Elementare”, prodotto da Amigdala e dal Festival Periferico, 2018, si avvale delle musiche originali di Meike Clarelli, che cura pure la drammaturgia sonora con Davide Fasulo. La conduzione del coro è affidata a Davide Fasulo. Testi di Gabriele Dalla Barba, allestimento scenico di Sara Garagnani con la collaborazione di Silvia Tagliazucchi. Curatrice della performance è Federica Rocchi, con il contributo di Fabio Ghidoni, Sabrina Alberti, Erica Greco del workshop “Maggese – comporre opere sui luoghi”.

Ingresso gratuito. Per informazioni 081402395, coordinamento@turchini.it e

www.turchini.it.

 

Collettivo attivo dal 2005, Amigdala realizza produzioni che intrecciano performance, arte visiva, ricerca sonora e scrittura. Si tratta di installazioni performative che nascono in stretta connessione con i luoghi in cui si situano, dopo una lunga analisi delle loro caratteristiche e specificità e grazie a un lavoro di relazioni con le persone che li abitano o li hanno abitati. Opere pensate per una fruizione personale e singolare, che creano uno spazio intimo e immersivo, lavorando sull’alterazione della percezione dello spettatore e su meccanismi di attivazione diretta dei partecipanti, in forme che cercano un equilibrio tra radicalità e delicatezza. Le produzioni di Amigdala lavorano su molteplici piani, intrecciando la costruzione di soundscapes, la ricerca storica e antropologica sui territori, la scrittura drammaturgica e musicale originale, l’attraversamento urbano. Come risultato, a partire da una rigorosa ricerca estetica, ogni opera è in grado di combinare la rilettura della storia collettiva e singolare dei luoghi e la valorizzazione di testimonianze e competenze personali con la ricostruzione di legami affettivi tra le persone e i loro paesaggi.

amigdalaperiferico.wordpress.com


Fondazione Pietà de’ Turchini
Ufficio Stampa
Rosa Criscitiello
345 59 96 167
351 01 78 836
rosacriscitiello@gmail.com

L’orchestra napoletana di San Giovanni incontra il coro Vox Artis

La Fondazione Pietà de’ Turchini

presenta

L’orchestra napoletana di San Giovanni incontra il coro Vox Artis. In programma le musiche di Vivaldi, Verdi, Mozart, Mendelssohn, Goodman, Starita, Caccini/Vavilov dirette da Keith Goodman

nell’ambito de

“I Suoni, le Parole, i Gesti”: i sei appuntamenti fuori stagione fino al 6 luglio

Sabato 30 giugno alle 18.30
Chiesa di Santa Caterina da Siena
via Santa Caterina da Siena 38, Napoli

 

La Fondazione Pietà de’ Turchini presenta l’orchestra di San Giovanni con il coro Vox Artis, entrambi diretti dal compositore Keith Goodman. Sabato 30 giugno alle 18.30 presso la Chiesa di Santa Caterina da Siena (via Santa Caterina da Siena 38, Napoli), il flauto solista di Marco Gaudino eseguirà, insieme con i due ensemble, le musiche di Antonio Vivaldi, Giuseppe Verdi, Wolfgang Amadeus Mozart, Felix Mendelssohn, Keith Goodman, Vittorio Starita e l’Ave Maria di Vladimir Vavilov attribuita a Giulio Caccini.

Ingresso a pagamento. Biglietto unico € 10,00. Biglietti disponibili al botteghino mezz’ora

prima del concerto. Per informazioni 081402395, coordinamento@turchini.it e www.turchini.it.

 

La performance è compresa nella programmazione de “I Suoni, le Parole, i Gesti”, i sei appuntamenti fuori stagione, organizzati dalla Fondazione Pietà de’ Turchini, che spazieranno dalla musica vocale a quella strumentale, con le conferenze-concerto e la pièce teatrale, prevista per il 6 luglio a conclusione della kermesse, dove la drammaturgia della parola incontrerà quella del suono.

 

L’Orchestra San Giovanni, che prende il suo nome dal quartiere di San Giovanni a Teduccio di Napoli, dove è nata nel gennaio del 2009, è diretta da Keith Goodman. L’orchestra, una delle poche realtà orchestrali stabili presenti sul territorio campano è costituita sia da professionisti che da studenti; i componenti hanno all’attivo diverse esperienze concertistiche in varie formazioni cameristiche ed orchestrali. L’orchestra collabora con l’Università degli Studi di Napoli “Parthenope”, partecipando, inoltre, ai programmi operativi nazionali nelle scuole italiane con progetti per avvicinare i giovani alla musica classica e alla conoscenza degli strumenti. L’orchestra si è esibita in numerose manifestazioni e sedi prestigiose tra cui: Il Teatrino di corte della Reggia di Caserta, Villa Doria d’Angri (NA) nell’ambito della manifestazione “I giovedì musicali 2009 …per chi resta in città”, CampolietOperaFestival 2009 (CB), Chiesa della Pietrasanta (NA), Complesso Monumentale S. Lorenzo Maggiore, (NA), Teatro Garibaldi di S.Maria Capua Vetere (CE), Teatro Mediterraneo (NA), Teatro Bolivar (NA), Teatro Comunale di Caserta, 44° Festival dei Saraceni (Cuneo) e altrove. L’orchestra esegue musiche tratte dal tradizionale repertorio sinfonico e operistico, spaziando dal barocco al Novecento, alla musica da film. L’orchestra ha collaborato con diverse formazioni corali, tra cui: Coro Axia, Coro AMA, Coro Polifonico Flegreo, Coro della Pietrasanta, Coro Vox Artis, Coro “Concerts from Scratch” (Inghilterra) e inoltre ha collaborato con vari solisti vocali e strumentali, tra cui ricordiamo i pianisti F.Libetta, I.Veneziano, R.Benvegnù e il violoncellista L.Signorini. Nel 2013 nell’ambito del progetto “Tutti, Music builds Europe” l’orchestra S.Giovanni (unendosi ad elementi delle orchestre “Joic” di Tarragona e “Collegium Musicum” di Berlino) ha realizzato tre prestigiosi concerti sinfonici in Spagna.

www.accademiasangiovanni.it

 

Orchestra San Giovanni

Coro Polifonico Vox Artis

Keith Goodman, direttore

 

Programma:

 

• Vivaldi Concerto per flauto op. 10 n.3 “il gardellino” (Allegro-andante-allegro)

 

• V.Starita “Omaggio a Canessa” per archi

 

• K.Goodman Intermezzo per archi op.77

 

• Vivaldi: In Exitu Israel RV 604 per coro e archi

 

• Caccini/Vavilov : Ave Maria per coro e archi

 

• Verdi: Va pensiero (dal Nabucco)per coro e archi

 

• Mozart: Sancta Maria Materdei K273 per coro e archi

 

• Mendelssohn Sinfonia per archi n.10 in si minore (adagio – allegro)

 

 

“I Suoni, le Parole, i Gesti”, Fondazione Pietà de’ Turchini

 

Programma

 

Orchestra San Giovanni e coro Polifonico Vox Artis

Musiche di Vivaldi, Mozart, Goodman, Caccini

Marco Gaudino, flauto

Direttore Keith Goodman

Sabato 30 giugno – h. 18.30

Chiesa di Santa Caterina da Siena

 

«Sirene e Ninfe napolitane» - nell’ambito del NapoliTeatroFestival 2018

ideazione artistica Paologiovanni Maione

Naomi Rivieccio, soprano

Ensemble Talenti Vulcanici

Stefano Demicheli, clavicembalo e direzione

Mercoledì 4 luglio – h. 21.30

Cappella Palatina della Reggia di Caserta

 

«Elementare» – nell’ambito di AltoFest 2018

A cura di Federica Rocchi

Progetto e idea del Colletivo Amigdala

Musiche originali: Meike Clarelli

Drammaturgia sonora: Davide Fasulo, Meike Clarelli

Conduzione coro: Davide Fasulo

con le voci di: Meike Clarelli, Elisabetta Dallargine, Davide Fasulo, Fulvia Gasparini, Antonio Tavoni

Testi: Gabriele Dalla Barba

Scena: Sara Garagnani con la collaborazione di Silvia Tagliazucchi

Venerdì 6 luglio – h. 23.00

Chiesa di Santa Caterina da Siena


Fondazione Pietà de’ Turchini
Ufficio Stampa
Rosa Criscitiello
345 59 96 167
351 01 78 836
rosacriscitiello@gmail.com

“I Suoni, le Parole, i Gesti”

La Fondazione Pietà de’ Turchini

presenta

“I Suoni, le Parole, i Gesti”: sei appuntamenti fuori stagione in collaborazione con “Le voci del 48”, L’orchestra di San Giovanni, il Complesso Museale del Purgatorio ad Arco, il NapoliTeatroFestival e AltoFest

i primi due appuntamenti nella chiesa di Santa Maria delle Anime del Purgatorio ad Arco

Venerdì 22 giugno alle 20 «Cor mio deh non languire», il concerto-“torneo” che ricostruisce la sfida tra i compositori del Seicento e Settecento e quelli contemporanei per mettere in musica un madrigale in purezza di Battista Guarini

Domenica 24 giugno alle 19 «Se i languidi miei sguardi intorno a “La lettera amorosa” di Claudio Monteverdi», la lezione-concerto a cura di Dino Villatico con il contralto Francesca Biliotti e il clavicembalo di Stefano Demicheli

 

La Fondazione Pietà de’ Turchini presenta “I Suoni, le Parole, i Gesti”: sei appuntamenti fuori stagione, dal 21 giugno al 6 luglio, che spazieranno dalla musica vocale a quella strumentale, con le conferenze-concerto e la pièce teatrale dove la drammaturgia della parola incontra quella sonora. La kermesse nasce in collaborazione con “Le voci del 48”, L’orchestra di San Giovanni, il Complesso Museale del Purgatorio ad Arco, il NapoliTeatroFestival e AltoFest. Le due performance inedite che aprono il ciclo de “I Suoni, le Parole, i Gesti” sono dedicate al repertorio vocale del primo Seicento, con un focus sulla composizione madrigalistica di Battista Guarini e Claudio Monteverdi.

 

Il primo appuntamento venerdì 22 giugno alle ore 20, presso la Chiesa di Santa Maria delle Anime del Purgatorio ad Arco (via dei Tribunali 39, Napoli), è quello con l’ensemble vocale “InCanto di Partenope” in «Cor mio deh non languire», il “torneo” musicale nell’ambito del quale i compositori del Seicento e Settecento e i contemporanei Gaetano Panariello e Luigi Del Prete (le cui partiture sono suonate in prima esecuzione assoluta) si “sfidano” proponendo il proprio accompagnamento musicale per i versi del madrigale in purezza «Cor mio deh non languire» del drammaturgo, scrittore, accademico e poeta della seconda metà del Cinquecento, Battista Guarini. Il concerto di «Cor mio deh non languire» è a cura della musicologa e contralto Maria Paola Del Duca, con il contributo finanziario del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo. Le varianti musicali per «Cor mio deh non languire», composte dai maestri del madrigale sei-settecentesco Luzzasco Luzzaschi, Alessandro Scialla, Leone Leoni, Adriano Banchieri, Sigismondo d’India, Alessandro Scarlatti, Giovanni Bononcini, Giovanni Battista Mazzaferrata e i contemporanei napoletani Gaetano Panariello e Luigi Del Prete, sono cantate dai soprani Sabrina Santoro, Lia Scognamiglio, Rosanna Sodano, Silvia Tarantino, dal tenore Leopoldo Punziano, dai bassi Nicola Ciancio e Sergio Petrarca e dall’alto Davide Troìa, che dirige l’ensemble accompagnato dal clavicembalo di Carlo Gargiulo.

Domenica 24 giugno alle ore 19, sempre presso la Chiesa di Santa Maria delle Anime del Purgatorio ad Arco (via dei Tribunali 39, Napoli), «Se i languidi miei sguardi intorno a “La lettera amorosa” di Claudio Monteverdi», la lezione-concerto, realizzata con il contributo finanziario del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, a cura di Dino Villatico con la voce del contralto Francesca Biliotti accompagnata dal clavicembalo di Stefano Demicheli.

Dino Villatico, musicologo e critico musicale per La Repubblica, ci conduce, grazie alla voce del contralto Francesca Biliotti e alla trascrizione ed esecuzione per organo di Stefano Demicheli, tra le pieghe de “La lettera amorosa” di Claudio Monteverdi, esempio della rivoluzione che il madrigale determinò nel panorama della composizione musicale italiana. La canzone per voce sola di Monteverdi, infatti, sacrifica al contrappunto la centralità del testo di Claudio Achillini, inaugurando così una scrittura musicale nell’ambito della quale la melodia viene creata per aderire ai versi ed esaltarli.

Entrambi gli eventi sono a ingresso libero fino ad esaurimento dei posti disponibili.

Per informazioni 081402395, coordinamento@turchini.it e www.turchini.it.

 

Ensemble vocale InCanto di Partenope in «Cor mio deh non languire». Torneo d’autori su un madrigale in purezza del cavalier Battista Guarini.

Venerdì 22 giugno ore 20, Chiesa di Santa Maria del Purgatorio ad Arco


Programma

 

AdrianoBanchieri

Cor mio, deh, non languire da Il Virtuoso ritrovo accademico, 1626

madrigale a due voci – tenore, basso e continuo

 

Giovanni MariaBononcini

Cor mio, deh, non languire da Partitura de’ madrigali a cinque voci, 1678

 

Leone Leoni

Cor mio, deh, non languire da Bell’Alba Quinto Libro de’ Madrigali a cinque voci, 1602

 

AlessandroScialla

Cor mio, deh, non languire da Primo Libro de’ madrigali a cinque voci, 1610

 

Luigi Del Prete

Cor mio, deh, non languire

madrigale a cinque voci, 2018 – prima esecuzione assoluta

 

Luzzasco Luzzaschi

Cor mio, deh, non languireda Madrigali per cantare, et sonare a uno, dui e tre soprani, 1601

madrigale a due voci – due soprani e continuo

 

Alessandro Scarlatti

Cor mio, deh, non languire

madrigale a cinque voci pari – quattro soprani, alto e continuo, 1700?

 

Giovanni Battista Mazzaferrata

Cor mio, deh, non languireda Il Primo Libro a due, tre, amorosi e spirituali, 1675

madrigale a tre voci – alto, tenore, basso e continuo

 

GaetanoPanariello

Cor mio, deh, non languire

madrigale a cinque voci, 2018 – prima esecuzione assoluta

 

Sigismondo D’India

Cor mio, deh, non languire da Il Primo Libro de’ Madrigali a cinque voci 1606

 

 

«Se i languidi miei sguardi intorno a “La lettera amorosa” di Claudio Monteverdi». Lezione-concerto a cura di Dino Villatico. Francesca Biliotti (contralto), Stefano Demicheli (clavicembalo)

Domenica 24 giugno ore 19, Chiesa di Santa Maria del Purgatorio ad Arco

 

Programma

 

Claudio Monteverdi, La lettera amorosa

 

Girolamo Frescobaldi, Prima Toccata del Secondo Libro

 

Johann Sebastian Bach, Ciaccona, Partita n. 2 in re minore BWV 1004 (dalle Sonate e Partite per violino solo BWV 1001-1006), trascrizione per cembalo a cura di Stefano Demicheli

 

 

“I Suoni, le Parole, i Gesti”, Fondazione Pietà de’ Turchini

dal 21 giugno al 6 luglio

 

Programma

 

In-Cantiamoci

Coro di voci bianche di San Rocco e Le Voci del 48

Maestro del coro Salvatore Murru

Giovedì 21 giugno – h. 19.00

Chiesa di Santa Caterina da Siena

 

«Cor mio deh non languire»

Ensemble InCanto di Partenope

Direttore Davide Troìa

Introduce Maria Paola Del Duca

Venerdì 22 giugno – h. 20.00

Chiesa di Santa Maria delle Anime del Purgatorio ad Arco

 

«Se i languidi miei sguardi»

Lezione-concerto su Monteverdi e il recitar cantando a cura di Dino Villatico

Francesca Biliotti, contralto

Stefano Demicheli, clavicembalo

Domenica 24 giugno – h. 19.00

Chiesa di Santa Maria delle Anime del Purgatorio ad Arco

 

Orchestra San Giovanni e coro Polifonico Vox Artis

Musiche di Vivaldi, Mozart, Goodman, Caccini

Marco Gaudino, flauto

Direttore Keith Goodman

Sabato 30 giugno – h. 18.30

Chiesa di Santa Caterina da Siena

 

«Sirene e Ninfe napolitane» - nell’ambito del NapoliTeatroFestival 2018

ideazione artistica Paologiovanni Maione

Naomi Rivieccio, soprano

Ensemble Talenti Vulcanici

Stefano Demicheli, clavicembalo e direzione

Mercoledì 4 luglio – h. 21.30

Cappella Palatina della Reggia di Caserta

 

«Elementare» – nell’ambito di AltoFest 2018

A cura di Federica Rocchi

Progetto e idea del Colletivo Amigdala

Musiche originali: Meike Clarelli

Drammaturgia sonora: Davide Fasulo, Meike Clarelli

Conduzione coro: Davide Fasulo

con le voci di: Meike Clarelli, Elisabetta Dallargine, Davide Fasulo, Fulvia Gasparini, Antonio Tavoni

Testi: Gabriele Dalla Barba

Scena: Sara Garagnani con la collaborazione di Silvia Tagliazucchi

Venerdì 6 luglio – h. 23.00

Chiesa di Santa Caterina da Siena

 


Fondazione Pietà de’ Turchini
Ufficio Stampa
Rosa Criscitiello
345 59 96 167
351 01 78 836
rosacriscitiello@gmail.com

La Fondazione Pietà de’ Turchini a Napoli Città Libro

“Niccolò Jommelli, Le stagioni” è il titolo dell’evento di presentazione della Turchini Edizioni e della collana discografica “Protagonisti e Miti della Scuola Musicale di Napoli”, realizzata in collaborazione con l’etichetta Arcana del gruppo Outhere.  

Saranno presenti lo storico della musica PaologiovanniMaione, il fotografo Mimmo Jodice, autore delle copertine da collezione degli album, e il violoncello diManuela Albano

Modera il critico musicale de Il Mattino, Stefano Valanzuolo


Giovedì 24 maggio ore 17

Sala del Chiostro Open

Complesso Monumentale di San Domenico Maggiore

vico S. Domenico Maggiore 18, Napoli

 

 

La Fondazione Pietà de’ Turchini sarà presente a Napoli Città Libro, prima edizione del Salone del Libro e dell’Editoria di Napoli, che aprirà le sue porte dal 24 al 27 maggio 2018. “Niccolò Jommelli, Le stagioni” è il titolo dell’evento, giovedì 24 maggio alle ore 17 (Sala del Chiostro Open, Complesso Monumentale di San Domenico Maggiore, vico S. Domenico Maggiore 18, Napoli) nell’ambito del quale la Fondazione Pietà de’ Turchini presenterà la sua casa editrice, Turchini Edizioni, e la collana discografica “Protagonisti e Miti della Scuola Musicale di Napoli”,realizzata in collaborazione con l’etichetta Arcana del gruppo Outhere.

Saranno presenti il fotografo Mimmo Jodice, autore dei suggestivi scatti che fanno da copertine agli album, Paologiovanni Maione, membro del comitato scientifico della Fondazione Pietà de’ Turchini e storico della musica e dell’estetica musicale presso il Conservatorio di Musica San Pietro a Majella di Napoli, e la direttrice artistica della Fondazione Pietà de’ Turchini, Mariafederica Castaldo. Modera il dibattito il critico musicale de Il Mattino, Stefano Valanzuolo, mentre la violoncellista Manuela Albano eseguirà dal vivo la Sarabanda dalla prima suite, il Preludio dalla prima suite e la Sarabanda dalla quinta suite di Johann Sebastian Bach. La Fondazione Pietà de’ Turchini sarà presente con il suo stand a Napoli Città Libro giovedì 24 maggio dalle ore 16 e da venerdì 25 dalle ore 10 alle ore 20, mentre domenica 27 maggio la chiusura è prevista per le 18. I biglietti sono acquistabili sul posto o su

www.napolicittalibro.it

 

“Niccolò Jommelli, Le stagioni” è il titolo dello studio monografico, promosso dalla Fondazione Pietà de’ Turchini, dall’Università della Campania “Luigi Vanvitelli” e dal Comune di Aversa, con la direzione scientifica di Francesco Cotticelli e Paologiovanni Maione, che ha sancito la conclusione delle celebrazioni per il trecentesimo anniversario della nascita dell’illustre musicista aversano, caduto nel 2014. Un anno di conferenze internazionali e una lunga fase di approfondimento delle scoperte storiche e scientifiche hanno infine portato alla realizzazione di questo straordinario volume, certamente una pietra miliare della riflessione musicologicasull’eredità della Scuola Musicale Napoletana.

 

«“Niccolò Jommelli, Le stagioni” è il frutto di una collaborazione internazionale nata dal coordinamento con il Conservatorio Francesco Cilea di Reggio Calabria, la Fondazione Pietà de’ Turchini, la Fondazione Giorgio Cini di Venezia, l’Università della Campania “Luigi Vanvitelli”, il Comune di Aversa e il progetto Divino Sospiro di Lisbona. – spiega lo storico della musica Paologiovanni Maione – Lo studio raccoglie i contributi dei maggiori studiosi del Settecento europeo. La scelta metodologica è stata quella dell’interdisciplinarietà, con l’incrocio, coerente ma sfidante, della Storia, della Storia dell’Arte, oltre che naturalmente della Musicologia e Storia della Musica, nel segno della ricostruzione della variegata curva della vita e dell’evoluzione artistica del compositore di Aversa, nonché del suo apporto, fondamentale quanto meno noto di altri, nel processo di rinnovamento drammaturgico del Melodramma, di certo non inferiore a quello operato negli stessi anni a Vienna da Christoph Willibald Gluck».

 

Fondata nel 2003, la Turchini Edizioni si connota per lo spiccato interesse nel campo delle discipline della musica e dello spettacolo, attraverso la pubblicazione di saggi, edizioni critiche di partiture, volumi miscellanei su tematiche afferenti ai vari aspetti delle arti della scena. L’idea fondante deriva dalla consapevolezza che la valorizzazione del patrimonio musicale e teatrale napoletano, soprattutto quello relativo ai secoli XVII e XIX, sia essenziale e funzionale ad una maggiore comprensione e valorizzazione di fenomeni di altri centri europei ed extraeuropei, con cui Napoli da sempre ha dialogato. Ulteriore caratteristica è quella di avere privilegiato motivi e protagonisti della scena e della vita musicale finora poco sondati.
Tra i progetti più ambiziosi e di ampio respiro, si segnalano la realizzazione della collana di volumi dal titolo “La Storia della musica e dello spettacolo a Napoli dal Cinquecento al Novecento”, con particolare riferimento alla realizzazione del terzo volume dedicato al Settecento, a cura di Paologiovanni Maione e Francesco Cotticelli, e il progetto di pubblicazione dell’opera omnia di Francesco Provenzale. Ai piani editoriali di partiture e saggi si affiancano i progetti di digitalizzazione dei giacimenti bibliografici e archivistici quali, ad esempio, quello che riguarda la librettistica della commedia settecentesca per musica, in via di completamento. Tra le iniziative più recenti vi è inoltre una collana dedicata alla didattica e alla divulgazione di metodi e strumenti pedagogici funzionali alla diffusione della musica anche tra i principianti.

 

«La Turchini Edizioni nasce per garantire spazio alle pubblicazioni in grado di analizzare, con metodologie corrette e un opportuno equilibrio tra la saggistica e divulgazione, la ricchissima e secolare esperienza dei palcoscenici napoletani, allora come oggi immagine vivida e positiva delle energie e del talento di un intero territorio. – spiega Mariafederica Castaldo, direttrice artistica della Fondazione Pietà de’ Turchini – Tuttavia, l’alta qualità scientifica delle nostre iniziative assicura ai volumi della Turchini Edizioni una circolazione che si estende ben oltre i confini territoriali e nazionali, grazie soprattutto alla rete di interlocutori di rango e centri di ricerca internazionali. Oltre al volume su Jommelli abbiamo pubblicato, sempre nel 2017, la partitura inedita, a cura di Gaetano Pitarresi, de “Gli Orti Esperidi – Componimento drammatico in due parti”, composta da Nicola Porpora a Napoli nel 1721. Di prossima presentazione la doppia operazione di “Musica in Purgatorio”, con un volume critico, a cura di Giacomo Sances, dedicato alla vita musicale nella chiesadi Santa Maria delle Anime del Purgatorio ad Arco dalla fondazione alla fine del XVIII secolo, al quale si affiancherà l’edizione, a cura di Emanuele Cardi e con l’apparato storico di Giacomo Sances, delle partiture dei compositori settecenteschi Gennaro e Gaetano Manna, rinvenute proprio negli archivi della chiesa di Santa Maria delle Anime del Purgatorio ad Arco».
Presso l’evento «Niccolò Jommelli, “Le stagioni”» e lo stand della Fondazione Pietà de’ Turchini a Napoli Città Libro sarà inoltre possibile conoscere e acquistare “Protagonisti e Miti della Scuola Musicale di Napoli”, la collana discografica, a cura della Fondazione Pietà de’ Turchini, realizzata in collaborazione con l’etichetta Arcana del gruppo Outhere.
Il progetto, che può fregiarsi dell’apporto creativo dei leggendari scatti di Mimmo Jodice, cui si deve la scelta di alcune delle sue opere per le copertine dei dischi, ha avuto il suo esordio nel 2015 con la realizzazione del primo CD “Arias for Nicolino”, interpretato dal controtenore Carlo Vistoli, accompagnato dall’Ensemble Talenti Vulcanici diretti dal clavicembalista Stefano Demicheli. “Arias for Nicolino” è dedicato alla produzione, scritta di proposito da geni del calibro di Alessandro Scarlatti, Giovanni Battista Pergolesi e il George Frideric Handel del “Rinaldo”, per la voce di Nicola Grimaldi, nato a Napoli nel 1673 e conosciuto in tutta Europa col diminutivo di “Nicolino”, voce sublime, attore provetto, regista e direttore musicale, antesignano della tradizione controtenorile partenopea prima di Farinelli, Caffarelli e Carestini.

 

A seguire, la pubblicazione di “The Fairy Genius” (Arcana, 2017), con l’Ensemble Aurora di Enrico Gatti, dedicato alla produzione strumentale e al repertorio violinistico napoletano tra il XVII e il XVIII secolo. L’ultima creatura è “Lux in Tenebris” (Arcana, 2017), con la voce solista di Silvia Frigato e l’esecuzione dell’Ensemble Talenti Vulcanici, diretti da Emanuele Cardi, che suonano le musiche settecentesche della liturgia della Settimana Santa composte da Gennaro e Gaetano Manna e da Francesco Feo. In corso di stampa l’album con l’esecuzione dello “Stabat Mater” di Nicola Bonifacio Logroscino, con protagoniste le voci di Giulia Semenzato e Raffaele Pe, accompagnati dall’Ensemble Talenti Vulcanici diretti da Stefano Demicheli. Infine, a settembre 2018, il progetto “Protagonisti e Miti della Scuola Musicale di Napoli” farà tappa ad Alessano, in Salento, per la registrazione del disco dedicato alle cantate da camera intorno al mito di Partenope, con il soprano Naomi Rivieccio e l’Ensemble Talenti Vulcanici diretti da Stefano Demicheli.

“Amori sospirati e amori disperati in commedia”

Comunicato Stampa

Fondazione Pietà de’ Turchini

presenta

“Amori sospirati e amori disperati in commedia”


Le arie da “La Locandiera” di Pietro Auletta e da “La Finta Vedova” di Nicolò Conforto cantate dal talentuoso mezzosoprano Giuseppina Bridelli con l’Ensemble Galanterie a Plettri

Il concerto chiude il meeting internazionale “Goldoni avant la lettre” promosso a Napoli da ARPREGO (Archivio del Teatro Pregoldoniano)

Venerdì 13 aprile ore 20.30
Chiesa di Santa Caterina da Siena
via Santa Caterina, 76 Napoli

Si chiude con il concerto “Amori sospirati e amori disperati in commedia”, venerdì 13 aprile alle ore 20.30, presso la Chiesa di Santa Caterina da Siena (via Santa Caterina, 76 Napoli), il meeting internazionale “Goldoni avant la lettre”, promosso a Napoli da ARPREGO (Archivio del Teatro Pregoldoniano), insieme con la Fondazione Pietà de’ Turchini, l’Università degli Studi di Napoli “Federico II”, il Conservatorio “S. Pietro a Majella”, l’Università di Santiago di Compostela, l’Istituto Cervantes e la Società Nazionale di Scienze, Lettere e Arti.

L’incontro “Goldoni avant la lettre” ha esplorato i materiali teatrali e musicali e le pratiche attoriali tra Italia, Spagna e Francia negli anni 1650-1750, ai quali si sarebbe poi ispirato Carlo Goldoni, riformatore della Commedia dell’Arte e padre della commedia moderna. È il caso delle arie da “La Locandiera” di Pietro Auletta e da “La Finta Vedova” di Nicolò Conforto, che in “Amori sospirati e amori disperati in commedia” saranno interpretate dal talentuoso mezzosoprano Giuseppina Bridelli, accompagnata dall’Ensemble Galanterie a Plettri, diretto dal mandolinista Mauro Squillante.

Biglietto intero € 10,00 | Biglietto ridotto € 7,00 per gli over 60, under 30, Soci Fai, Feltrinelli Card, Wine&theCity Card, Artecard, Associati Distretto Culturale Siti Reali. Biglietti disponibili sul circuito online azzurroservice.net o al botteghino mezz’ora prima del concerto. Per informazioni 081402395 e coordinamento@turchini.it.
«Nei primi decenni del Settecento, Napoli è un cantiere inesauribile di idee spettacolari che promuove, strenuamente, producendo forme e stili destinati a essere modelli da emulare e declinare». A spiegarlo è Paologiovanni Maione, membro del Comitato Scientifico-Musicologico del Centro di Musica Antica “Pietà de’ Turchini” e docente di Storia della Musica e Storia ed Estetica Musicale presso il Conservatorio di Musica San Pietro a Majella di Napoli. «Tra le botteghe più laboriose – prosegue Maione – vi è quella destinata alla produzione delle chellete per musica: la parola napoletana prescelta per i nuovi manufatti indica letteralmente “una qualunque cosa”, offrendo un giusto

riferimento sull’entità del fenomeno delle “commeddeje”, il cui raggio d’azione è assai esteso e poco circoscrivibile».

 

Giuseppina Bridelli, nata a Piacenza nel 1986, si diploma con il massimo dei voti e la lode a soli 21 anni sotto la guida di Maria Laura Groppi. Si perfeziona nel repertorio barocco con Sonia Prina. Nel 2007 vince il Concorso Internazionale As.Li.Co. e debutta nei panni di Despina in “Così fan tutte”, nei Teatri di Brescia, Cremona, Como e Pavia per la direzione di D. Fasolis e la regia di M. Dammacco. Dall’autunno del 2008 entra a far parte della Scuola dell’Opera italiana, presso il teatro Comunale di Bologna. Ha inoltre partecipato Tournèe in Giappone, come Enrichetta ne “I Puritani” e Mercedes in “Carmen”. Intensa anche l’attività nell’ambito della musica da camera e contemporanea: ha interpretato i “Cinque frammenti di Saffo” di Luigi DallaPiccola e i Ruckert Lieder di Mahler al Comunale di Bologna, il monologo“Le bel Indefferent” di M. Tutino e il ciclo “Das Knaben Wunderhorn” di Mahler al 36° Festival della Valle D’Itria. Ha vinto il primo premio al Concorso di canto barocco Fatima terzo di Vicenza, il 2° premio al Concours international de chant baroque de Froville 2012, il 1° premio al Concorso internazionale di canto barocco “F.Provenzale” 2012, e il secondo premio al Moniuszko international singing competition 2013.

 

Mauro Squillante, mandolinista, è considerato uno specialista negli strumenti antichi a plettro (mandolini e mandole, mandolone, colascioni, cetra), sul cui repertorio, organologia e prassi esecutiva conduce una costante attività di ricerca. Diplomato presso il conservatorio Pollini di Padova, ha approfondito i propri studi musicali con Hopkinson Smith e Crawford Young presso la Schola Cantorum Basilensis, Enrico Baiano, Federico Marincola, Emilia Fadini, Edoardo Eguez. Svolge una intensa attività concertistica in Italia ed all’estero esibendosi da solista, in duo col clavicembalista Raffaele Vrenna, in trio con l’arpista Mara Galassi e il soprano Marinella Pennicchi, e con gli ensemble Lirum li Tronc e Scherza l’Alma. Partecipa in qualità di esperto ad un progetto dell’Università di Bologna e dell’Università di Uppsala (Svezia) incentrato sulla ricerca del repertorio mandolinistico del ‘700 napoletano, nell’ambito del quale ha tenuto concerti, conferenze e masterclass a Londra, ospite della Lute Society presso il Royal College, in Ungheria a Budapest presso l’Ambasciata d’Italia, ed in varie città italiane. Tiene inoltre corsi e masterclass presso varie scuole di mandolino in Europa, come quella di Marsiglia (Francia) e di Heerde (Paesi Bassi), e in Giappone (Tokyo), dove annualmente si reca per presentare le proprie uscite discografiche. Numerose le sue collaborazioni con orchestre ed ensemble di musica antica di livello internazionale come il Zefiro Ensemble di Alfredo Bernardini, i Freiburger Barok Orchestrer, la Venice Baroque Orchestra, la Cappella della Pietà dei Turchini, Arte dell’Arco, European Chamber Orchestra, Musica Perduta, Collegium Pro Musica; svolge inoltre la propria attività presso enti lirici quali il Teatro S. Carlo, il Maggio Musicale Fiorentino, il Teatro Petruzzelli di Bari, il Teatro Verdi di Salerno. Fra i Direttori d’orchestra con i quali si è pregiato di collaborare figurano Renè Jacobs, Andrea Marcon, Peter Maag, Louis Bacalov, Antonio Florio, Gabriele Ferro, Alessandro De Marchi. Ha inciso per le case discografiche Stradivarius, Harmonia Mundi, opus 111, Brilliant, Tactus, Felmay – Dunya records, Bongiovanni, Niccolò, Oriente Musik, Vigiesse, Respect Records. Ha effettuato inoltre registrazioni radiofoniche per la RAI e le emittenti radiofoniche e televisive francesi e tedesche. Ha pubblicato per la casa editrice musicale Mnemes – Alfieri e Ranieri Publishing di Palermo e per la casa editrice Santabarbara. E’ Presidente della Accademia Mandolinistica Napoletana, associazione riconosciuta per il proprio fondamentale apporto alla rinascita del mandolino a Napoli; direttore artistico dei Corsi estivi e del Festival mandolinistico che si svolgono annualmente ad Avigliano (PZ). Insegna Mandolino e strumenti a plettro storici nei Corsi di Musica Antica di Urbino organizzati dalla Fondazione Italiana per la Musica Antica. E’ docente di mandolino presso il Conservatorio “G. Martucci” di Salerno. Dal 2015 tiene masterclass presso il Musik und Kunst Privatuniversität der Stadt Wien. Infine è componente del Comitato Scientifico del progetto Il Mandolino a Napoli nel XVIII delle Università di Bologna e Uppsala.

 

L’Ensemble Galanterie a Plettri, fondato da Anna Rita Addessi (Università di Bologna), Mauro Squillante (Conservatorio di Salerno) e Pietro Marchese (direttore dell’ Orchestra Infantile Quattrocento di Palermo), nasce a nell’ambito del progetto di ricerca “Il Mandolino a Napoli nel Settecento” e si propone come una nuova formazione strumentale espressamente dedicata all’interpretazione, storicamente informata, di musiche per mandolino napoletano del Settecento, eseguite con l’utilizzo di mandolini e strumenti storici, originali o copie di modelli settecenteschi. La direzione musicale dell’Ensemble è affidata a Mauro Squillante, mandolinista e specialista negli strumenti antichi a plettro.

L’Ensemble Galanterie a Plettri dedica le sue ricerche all’esecuzione di composizioni per  mandolino di autori campani della metà del Settecento, in particolare le composizioni della Collezione Gimo i cui manoscritti, conservati nella Biblioteca “Carolina Rediviva” dell’ Università di Uppsala, furono portati in Svezia da un rampollo di una famiglia svedese di origine ugonotta francese, Jean Lefebure, durante il tour europeo condotto insieme con il precettore Bengt Ferrner, dal 1758 al 1763. I manoscritti della Collezione Gimo rappresentano un esempio brillante del “stile galante” e della cosiddetta Scuola napoletana e di un repertorio squisitamente “urbano”, composto per essere suonato anche da amatori, per “conversazioni tra amici” nelle mura domestiche, o anche per il solo piacere personale. Un tipo di repertorio diffuso, eseguito e ascoltati nelle maggiori capitali Europee dell’epoca, in un’Europa ricca di scambi e illuminata da un’aristocrazia e dalla nascente ricca borghesia artistica e imprenditoriale.


Centro di Musica Antica Pietà de’ Turchini
Ufficio Stampa
Rosa Criscitiello
345 59 96 167
351 01 78 836
rosacriscitiello@gmail.com