Bach padre e figlio: capolavori da camera di Johann Sebastian e Carl Philip Emanuel

Comunicato stampa Fondazione Pietà de' Turchini

COMUNICATO  STAMPA

Venerdì 28 marzo 20.30h

 

Gallerie d’Italia Palazzo Zevallos Stigliano

 

Bach padre e figlio: capolavori da camera di Johann Sebastian e Carl Philip Emanuel

Per il III centenario della nascita di C.P.E. Bach

 

Collegium Pro Musica

Federico Guglielmo, violino Leonardo Massa, violoncello Andrea Coen, clavicembalo

Stefano Bagliano, flauto e direzione

 

 

All’insegna della musica da camera barocca, il concerto accosta Sonate, Triosonate e Quartetti e propone un confronto fra due straordinari compositori di quel periodo, Johann Sebastian Bach e il figlio Carl Philipp Emanuel Bach – del quale quest’anno si celebra il 300° anno dalla nascita. Entrambi, per motivi diversi, si distinsero così tanto da travalicare gli ambiti del loro periodo storico e influenzare anche la musica dei secoli successivi. Occasione preziosa per chi non la conoscesse, per visitare l’esposizione permanente della collezione del Banco di Napoli, che trova la sua ideale collocazione nelle gallerie di Palazzo Zevallos.

Se è superfluo tracciare il profilo di Johann Sebastian Bach, universalmente considerato come uno dei più grandi geni dell’intera storia della musica, la cui opera costituì la summa e lo sviluppo delle svariate tendenze compositive della sua epoca, vale la pena gettare un po’ di luce su Carl Philipp Emanuel Bach; ammirato da Mozart, studiato da Haydn e Beethoven, che si occupò principalmente delle sue sonate per clavicembalo – le quali incisero nella storia della forma musicale grazie alla lucidità di stile, alla delicatezza e alla morbidezza d’espressione, alla libertà e alla varietà della struttura. Primo compositore a utilizzare i colori armonici dal tempo di Claudio Monteverdi, Carl Philipp può essere considerato il capostipite della Prima Scuola Viennese. Nel XIX secolo la sua fama diminuì, ma non tra gli addetti ai lavori: infatti, anche compositori come Schumann e Brahms (che pubblicò qualche suo lavoro) ebbero di lui grande rispetto.

Secondo figlio di Johann Sebastian Bach, Carl Philipp Emanuel Bach (Weimar 1714 – Amburgo 1788) frequentò la Thomasschule di Lipsia e l’Università di Francoforte sull’Oder, dove studiò legge. Dal 1740 al 1767 fu al servizio di Federico II il Grande come clavicembalista e dal 1767 direttore di musica nelle chiese di Amburgo. Fu un fecondo compositore e la musica strumentale occupa una posizione molto importante nella sua produzione, con sinfonie, concerti, musica da camera e pezzi per strumento a tastiera. Il suo trattato Saggio di metodo per la tastiera è fondamentale per l’interpretazione della musica strumentale settecentesca, e viene molto usato in particolare per quella di Johann Sebastian Bach. Senza ripudiare del tutto la polifonia dotta che caratterizza molta musica del padre, egli contribuì all’affermazione dello stile galante, ma depurandolo da ogni manierismo sentimentale: approfondì la sonata bitematica in senso poetico-espressivo, collaborando alla sua maturazione come forma classica per eccellenza. Viene considerato uno degli iniziatori della musica strumentale moderna.

Al suo debutto per la Pietà de’ Turchini, l’ensemble Collegium Pro Musica, fondato nel 1990 e diretto dal flautista Stefano Bagliano si è esibito insieme a celebri interpreti, tra cui le cantanti Emma Kirkby, Roberta Invernizzi e Gemma Bertagnolli, la violinista Monica Huggett e il clavicembalista Bob Van Asperen.

Stefano Bagliano e il Collegium Pro Musica hanno suonato per molti fra i più prestigiosi festival e organizzazioni musicali in USA, Giappone, Cina, Canada, Israele, Turchia e tutta Europa, hanno all’attivo una intensa attività discografica avendo registrato – per le etichette Brilliant, Stradivarius, Dynamic, Nuova Era e Tactus -, musiche di Telemann, Vivaldi, B. Marcello, G. Sammartini, N. Fiorenza, A. Scarlatti, Graupner e Graun, Stradella, Bitti etc

Biglietto unico 10 € alla biglietteria di Palazzo Zevallos a partire dalle 10 del 28 marzo 2014 o presso le prevendite abituali

Per info www.turchini.it

Ufficio Stampa Federica Castaldo direzione@turchini.it

 

Le manifestazioni per la Giornata Europea della Musica Antica. Recital per fisarmonica del virtuoso Francesco Gesualdi

Comunicato stampa Fondazione Pietà de' Turchini

COMUNICATO  STAMPA

 da venerdì 21 a domenica  23

Un fine settimana all’insegna dell’arte e  della musica nelle sue più varie  declinazioni: antica, classica, jazz e contemporanea, da venerdì 21 a domenica  23 le due sedi del Centro di Musica Antica Pietà de’ Turchini: la Chiesa di Santa Caterina da Siena e la Chiesa di San Rocco a Chiaia saranno animate da concerti,visite guidate, performance artistiche.  Il 21 marzo alle 19 a Santa Caterina, per la stagione Pietà de’ Turchini, si renderà omaggio in maniera del tutto originale alla II edizione  della Giornata Europea della Musica Antica promossa dal REMA (Rete Europea della Musica Antica), che quest’anno può fregiarsi del  patrocinio dell’UNESCO, con il concerto dal titolo Anti-con-Temporaneo, un  recital per fisarmonica del virtuoso Francesco Gesualdi.

In programma Frescobaldi; Gesualdo; Clementi; Gubaidulina  e in prima esecuzione assoluta,  composizioni di Stefano Gervasoni che sarà presente per l’occasione ed impegnato nella stessa giornata per un seminario di estetica coordinato dall’Istituto per la Storia del Pensiero Filosofico e Scientifico Moderno (Ispf) e il Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr).

Le manifestazioni per la Giornata Europea della Musica Antica  prenderanno vita contemporaneamente in tutta Europa e potranno essere seguite dal grande pubblico attraverso la trasmissione live su web all’indirizzo www.e-concerthouse.com. Il progetto si avvale della collaborazione dell’Unione Europea e della Radio-Diffusione EBU.

Secondo Gesualdi sono molte le definizioni per spiegare la fisarmonica. Di certo la fisarmonica è strumento a tasto, un organo in formato ridotto,  è – anche per ricchezza timbrica – vari strumenti a fiato, ad “ance libere” che vibrano insufflate da un mantice. La fisarmonica è strumento ad arco: così come per uno strumento ad arco il suono della fisarmonica è molto dinamico ed è gestito da un “arco” – il mantice della fisarmonica – che ne definisce forza espressiva e tipo di articolazioni.

In quanto strumento così multiforme gli possono gravitare attorno vari caratteri musicali, alcuni dei quali qui presenti in questo programma.

La fisarmonica può anche appropriarsi del carattere e dello stile della Musica Antica, per organo e per clavicembalo di Frescobaldi, con una propria autonoma interpretazione – ben profilata – senza però affrancarsi dallo stile esecutivo di quell’epoca in cui le tastiere dell’organo, clavicordo, clavicembalo hanno conosciuto il loro apogeo. La parte di Musica Antica del programma prevederà l’esecuzione di tre Toccate di Girolamo Frescobaldi, tratte dal II Libro di Toccate del 1627, cui sarà affiancata la Canzon francese del principe di Carlo Gesualdo, compositore noto per il torturato e sperimentale cromatismo dei suoi madrigali. Le pagine di musica contemporanea e antica, intrecciate fra loro, esemplificano molto bene il senso di questo programma, cui è stato dato, il titolo di Anti-con-Temporaneo. Stili musicali temporalmente così lontani ma spesso così vicini, in grado di evocarsi reciprocamente, sia per aspetti legati alla concezione del suono, sia per aspetti più strettamente legati alla pratica compositiva. E la fisarmonica è lo strumento medium più interessante per una operazione di questa natura. Uno strumento sintesi delle tastiere tradizionali, dotato di suono tenuto dell’organo e di suono espressivo del clavicembalo. Il programma si arricchisce di una prima esecuzione assoluta di un importante compositore italiano, Stefano Gervasoni, premio Abbiati 2010. Si tratta di un ciclo di quattro brevi composizioni che il noto compositore bergamasco – docente di composizione al Conservatorio superiore di Parigi – ha scritto in origine per pianoforte e di cui ha affidato a Gesualdi una trascrizione critica per fisarmonica,

Francesco Gesualdi è riconosciuto dalla critica e dall’ambiente musicale come uno dei principali fisarmonicisti italiani impegnati nello sviluppo della fisarmonica da concerto e nell’esecuzione di musica contemporanea. Padrone di un ampio repertorio – che spazia da Frescobaldi, Bach e Carlo Gesualdo a Berio, Donatoni, Stockhausen, a Sciarrino, a Gubaidulina, fino a W.Rihm, ad Hosokawa e al Teatro della Musica di Kagel – svolge la sua attività concertistica in alcuni dei centri musicali più importanti riuscendo a far entrare dalla porta principale la fisarmonica. Tra questi si segnalano l’Auditorium di Milano, ‘Auditorium della NGV di Melbourne, l’Auditorium della Monash University, in diretta per Rai Radio3, per la SBS Radio australiana, per Radio Orf di Vienna, Amici della Musica di Firenze, Amici della Musica di Modena, Amici della Musica di Ancona, Sala Petrassi e Sala Sinopoli del Parco della Musica di Roma, Tempo reale Festival, Piccolo Teatro Comunale di Firenze (Stagione GAMO), Piccolo del Teatro Regio di Torino (Settembre Musica), Teatro della Pergola di Firenze, Teatro Metastasio di Prato, Teatro Romano di Fiesole, Auditorium ZKM di Karlsruhe, Giornate di Musica Contemporanea di Segovia in Spagna, Conservatorio di Oviedo, Altdorf Festival in Svizzera, ecc.

Ha inciso per EMA records e per la Curci. Insegna presso il Conservatorio di Avellino. Ha fondato il RowsEnsemble di cui è il direttore artistico. Dal 2011 è Direttore del Gruppo Aperto Musica Oggi (G.A:M.O.) di Firenze.

In primavera registrerà un programma monografico dedicato a Frescobaldi. La registrazione diventerà un CD Brillant classic che uscirà i primi mesi del 2015.

 

Stefano Gervasoni classe 1962, ha iniziato a studiare la composizione nel 1980 grazie al consiglio di Luigi Nono: questo incontro, così come quello con Brian Ferneyhough, Peter Eötvös e Helmut Lachenmann, è stato decisivo per la sua carriera. Dopo aver studiato presso il Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano, Stefano Gervasoni ha completato la sua formazione in Ungheria con György Ligeti nel 1990, e successivamente a Parigi, dove nel 1992 ha seguito il Corso di Composizione e di Musica informatica dell’Ircam. I primi tre anni del suo soggiorno in Francia hanno creato le condizioni di una carriera internazionale che l’ha portato a essere “pensionnaire” a Villa Medici nel 1995-1996. Commissionato tra gli altri dalla WDR, dalla SWR, dall’Orchestra Nazionale della RAI, dal Festival d’Automne di Parigi, da Radio France, dall’IRCAM, dalla Casa da Musica di Porto, dal Festival Archipel di Ginevra, dal Divertimento Ensemble di Milano, dall’Ensemble Intercontemporain, dall’Ensemble Modern, dall’Ensemble Contrechamps di Ginevra, dal festival Maerzmusik di Berlino, da Ars Musica Bruxelles, dal Festival Musica di Strasburgo, dal Ministero della Cultura francese, dal Teatro alla Scala di Milano e dalla Suntory Hall di Tokyo, Stefano Gervasoni si è imposto come uno dei più importanti compositori italiani della sua generazione. Il suo catalogo – che comprende musica da camera, vocale, concertante, per orchestra, per ensemble e un’opera (Limbus-Limbo), commissionata per il cinquantesimo anniversario delle Percussions de Strasbourg (2012) – è stato pubblicato da Ricordi a partire dal 1987 e, dal 2000, è pubblicato da Suvini Zerboni. Della sua discografia ricordiamo ancora i CD monografici Harmonia Mundi della serie Musique Française d’Aujourd’hui, (Ensemble Contrechamps), Stradivarius (Divertimento Ensemble) e il recente Dir – In dir pubblicato in Germania da Winter und Winter. Coronato di numerosi premi, tra cui il Premio della Critica Musicale “Franco Abbiati” (2010), il suo lavoro gli ha consentito di essere borsista della Fondation des Treilles a Parigi (1994) e del DAAD a Berlino (2006) e compositore in residence al Domaine de Kerguéhennec per il triennio 2008- 2010. Dal 2006 Stefano Gervasoni è professore titolare di composizione al Conservatorio Nazionale Superiore di Musica e di Danza di Parigi.

Sabato 22 e domenica 23 il complesso di Santa Caterina,  sarà aperto al pubblico per le giornate di primavera del Fai con visite guidate a cura dei piccoli Ciceroni.  Il 23 a San Rocco a Chiaia ,  per l’intera giornata dalle 11 alle 23 , prenderà forma Violoncelliade il nuovo progetto di Luca Signorini e Nicola dal Falco, nell’ambito del  programma di residenza creativa Re.Crea  promosso dalla Pietà de’ Turchini per animare la Chiesa di San Rocco.

Dodici ore di violoncello e non solo a proporre un vasto repertorio che spazia dal 1600 ai nostri giorni. Ma Violoncelliade è qualcosa di più: i testi poetici di Nicola Dal Falco, le figure danzate di Simona Perrella, il video di Andreas Linder, le voci recitanti di Maria Luisa Firpo e Rosario Natale e ancora Flauto, Chitarra, Pianoforte, Viola da gamba e il Jazz di Mariella Pandolfi e Bruno Persico: un’installazione vivente nella chiesa di San Rocco con la consulenza del regista Pierpaolo Sepe. “ E’ la poesia a dare un senso alla vita, poesia trasversale che attraversa l’uomo di ogni condizione o status. Ogni visitatore potrà passeggiare nella chiesa di San Rocco, sostare, sedersi, allontanarsi e tornare, essere lui stesso attore curioso e avere il violoncello come compagno di viaggio e di scoperte” dice Luca Signorini.

“Ho sempre pensato che il violoncello abbia un destino letterario, nel senso che la sua voce sia una voce narrante. Non è la prima volta che con Luca Signorini sottolineiamo questo aspetto, sommandola alla lettura di prose e di poesie.

Ora, con Violoncelliade, la sfida è più ambiziosa, perché dovremmo trasformare dodici ore di una giornata, dalle 11 alle 23, in un racconto continuo dove, ad ogni momento, si possa cogliere se non il filo del discorso uno spunto di riflessione e di bellezza” gli fa eco  Nicola Dal Falco .

 

 

Per biglietteria e info www.turchini.it 081402395

Ufficio stampa Federica Castaldo direzione@turchini.it

 

 

 

 

L’UNESCO concede il suo patrocinio alla Giornata Europea della Musica Antica

Comunicato stampa Fondazione Pietà de' Turchini

COMUNICATO STAMPA

 21 marzo 2014

Il 21 marzo 2014 si celebrerà in Europa la seconda edizione della Giornata Europea della Musica Antica (European Day of Early Music). Mentre la sua prima edizione ha ricevuto il patrocinio di Androulla Vassiliou, membro della Commissione Europea, le celebrazioni del 2014 si potranno fregiare del patrocinio dell’UNESCO.

Irina Bokova, direttrice generale dell’UNESCO, afferma con convinzione che  « questa giornata contribuirà senza alcun dubbio a promuovere il patrimonio musicale e ad incoraggiare la creazione artistica. In questa prospettiva, vanno le mie più sincere congratulazioni agli organizzatori della manifestazione che si inscrive pienamente nella direzione in cui si muovono gli sforzi dell’UNESCO per favorire il dialogo interculturale. »

Il 21 marzo, primo giorno di primavera e compleanno di Johann Sebastian Bach, concerti, conferenze e altri eventi sparsi su tutto il territorio europeo contribuiranno ad aumentare la consapevolezza della diversità e ricchezza dell’eredità storico-musicale in Europa. Buona parte delle manifestazioni potranno essere seguite dal grande pubblico attraverso la trasmissione live su web. Il progetto si avvale della collaborazione dell’Unione Europea e della Radio-Diffusione EBU.

Peter Pontvik, Presidente del REMA (Réseau Européen de Musique Ancienne) commenta : « Siamo molto orgogliosi e felici dell’interesse crescente verso la Musica Antica, lo siamo particolarmente per il patrocinio concesso dall’UNESCO che conferisce alla Giornata Europea della Musica Antica una dimensione mondiale. »

Sacre Passioni – la Reverdie che propone a Napoli I Dodici Giardini. Cantico di Santa Caterina da Bologna (1413-1463)

Comunicato stampa Fondazione Pietà de' Turchini

COMUNICATO STAMPA

Sacre Passioni

8 marzo

Dei 5 appuntamenti in calendario nel solo mese di marzo i primi due offrono al pubblico l’opportunità di fare un piccolo viaggio oltre il tempo e gli spazi consueti. Si comincia l’8 marzo con uno dei gruppi medioevali più interessanti nel panorama europeo: la Reverdie che propone a Napoli I Dodici Giardini. Cantico di Santa Caterina da Bologna (1413-1463), donna di grande sapienza teologica, ma anche di straordinario talento artistico, chiamata nel 1456 a fondare e dirigere il primo monastero di Clarisse nella città di Bologna. LaReverdie racconta il cammino di ascesi mistica, descritto proprio da Caterina nel suo trattato  ”I Dodici Giardini”, attraverso ricche combinazioni timbriche strumentali e una limpida vocalità femminile sia solistica che corale, per rendere appieno la semplice freschezza e insieme il fascino arcano di questo inesplorato repertorio. La Fondazione Pietà de’ Turchini ne propone l’ascolto nel giorno della festa delle donne, nel monastero di Santa Santa Caterina da Siena alle 19, immaginando un ideale incontro tra due donne prima che sante dalla eccezionale personalità. LaReverdie nella formazione di sole donne Claudia Caffagni, voce e liuto Livia Caffagni voce, flauti, viella, Elisabetta de Mircovich voce, ribeca, viella Cristina Calzolari, voce, organo portativo, claviciterio, Sara Mancuso arpa, claviciterio, organo portativo, per l’assidua ricerca e l’esperienza accumulata in venticinque anni di intensa attività, è un gruppo assolutamente unico per l’affiatamento, l’entusiasmo e l’acclamato virtuosismo vocale e strumentale. Molti i premi discografici ottenuti negli anni dal Diapason d’or, a 10 Repertoire, fff Telerama ed altri ancora.

Con un salto di 3 secoli, venerdì 14 marzo nella magnifica Chiesa della Trinità dei Pellegrini, alle ore 19 ritorna Talenti Vulcanici, per una nuova produzione frutto di una nuova residenza per-formativa di 10 giorni. L’ensemble formatosi attraverso un laboratorio orchestrale permanente su strumenti antichi promosso dalla Pietà de’ Turchini dal 2011, questa volta si confronterà con una pagina tutta da scoprire del repertorio sacro del Settecento napoletano: lo Stabat Mater di Nicola Bonifacio Logroscino e alcuni brani strumentali inediti del veneziano Domenico Gallo. A dare voce alla partitura saranno la soprano Silvia Frigato e il controtenore Carlo Vistoli, entrambi vincitori di diverse edizioni del Concorso di Canto Barocco Francesco Provenzale organizzato con cadenza annuale dalla Pietà de’ Turchini. Direttore sarà Stefano Demicheli insieme ai tutor di violino, violoncello e tiorba barocchi, Monika Toth, Marco testori, Luca Tarantino. Il progetto si avvale della collaborazione dell’Arciconfraternita Santa Maria della Misericordia, che ha reso possibile l’esposizione per l’occasione delle splendide statue cinquecentesche raffiguranti La Vergine dolente, San Giovanni e La Maddalena, custodite dall’Arciconfraternita della Santissima Trinità dei Pellegrini, la cui collezione museale sarà accessibile al pubblico a partire da un’ora prima del concerto.

Per biglietteria e info www.turchini.it 081402395

Ufficio stampa Federica Castaldo direzione@turchini.it