Barocco Napoletano a Sorrento

Comunicato stampa Fondazione Pietà de' Turchini

 

Comunicato stampa

 

Barocco Napoletano a Sorrento

Una Master Class internazionale di musica e turismo

dedicata alla “Scuola napoletana” del Sei-Settecento

con soggiorno nella Villa Crawford della Penisola Sorrentina

 

Dal 23 al 30 aprile 2016

 

Un soggiorno studio dedicato alla musica del Barocco napoletano in un territorio di magnifica bellezza quale la Penisola Sorrentina: è il tema della Master Class internazionale di musica e turismo dal titolo “Barocco Napoletano a Sorrento”, promossa in partenariato dalla Fondazione Centro di Musica Pietà de’ Turchini e da Casa d’Arno, e in programma nella cittadina costiera dal 23 al 30 aprile 2016.

I partecipanti seguiranno le lezioni e soggiorneranno presso la Villa Crawford di Sant’Agnello, hotel dotato di tutti i comfort, con giardino fiorito a picco sul mare con vista sul Vesuvio e Capri, già dimora dello scrittore statunitense Francis Marion Crawford.

La Master Class è aperta a musicisti professionisti e amatori che intendono perfezionare la propria formazione, con l’obiettivo di far scoprire il repertorio di “Scuola Napoletana” del Sei-Settecento di Paisiello, Scarlatti e Porpora, per citarne alcuni, e condividere a livelli diversi il piacere di interpretarlo.

Le lezioni individuali saranno tenute da un team di specialisti: Stefano Demicheli (clavicembalo), Maria Ercolano (canto), Leonardo Massa (violoncello barocco), Romain Mastler (ensemble vocale), Mauro Squillante (mandolino), Monica Toth (violino barocco). La Master Class sarà aperta anche ad altri strumenti, quali il basso continuo, la mandola, il liuto a plettro e il colascione.

Abbinando in un’unica formula musica e turismo, “Barocco napoletano a Sorrento” vorrà inoltre essere occasione per godere delle bellezze della Penisole Sorrentina e per visitare i luoghi più significativi della musica barocca a Napoli, tra cui il Teatro di San Carlo, il Lirico più antico d’Europa.

 

Le iscrizioni sono aperte. Per informazioni: turchini.it oppure casadarno.com

——————————————————————————————————————————————————————————

Napoli, 27 gennaio 2016

Alta formazione e residenze artistiche per progetti speciali alla Pietà de’ Turchini

Redazionale

 

Riprendono gli appuntamenti musicali della Pietà de’ Turchini sul doppio binario della programmazione concertistica e della formazione musicale. Il primo appuntamento sarà un omaggio speciale per la Giornata della memoria, sabato 30 gennaio alle 20.30 nella Chiesa di San Rocco a Chiaia (ingresso gratuito previa prenotazione: coordinamento@turchini.it),  il Coro della Pietà de’ Turchini diretto da Davide Troìa accompagnato da Luigi Del Prete al pianoforte e tastiera e Giuseppe Lettiero al vibrafono, eseguirà una pagina composta da Gaetano Panariello per il Centro di Musica antica nel 2010 . “La scrittura di questo Requiem non è stata “provocata” da un evento in particolare”, scrive Panariello: “l’indignazione, lo sgomento, l’angoscia, il dolore per le morti bianche, per l’infanzia negata e violata, per le guerre e le stragi, per i catastrofici eventi naturali, amplificati nelle loro funeste conseguenze dalla colpevole mano dell’uomo, si sono intrecciate alle diverse emozioni che in ognuno di noi si generano nel momento in cui col pensiero andiamo col ricordo di coloro che non ci sono più”. Una composizione che trasmette forti emozioni, non conosce mai cadute di tensione e, soprattutto, non annoia, grazie ad una partitura caratterizzata da un grande equilibrio. Il concerto sarà replicato, con ingresso gratuito, domenica 31 gennaio alla Cattedrale di San Procolo di Pozzuoli alle 19.00. Con il Requiem peraltro prende il via un percorso di residenza ideato da Federica Castaldo per San Rocco nell’ambito del progetto Re.Crea. dal titolo “La Scuola napoletana nella contemporanea pratica”, a cura  di Panariello  e della sua scuola di composizione riunita sotto la sigla La.Vi.Co. (laboratorio vivo di composizione) che continuerà con altri 2 appuntamenti a febbraio,  la prima assoluta della sonorizzazione dal vivo del film “La Signora delle Camelie” (il 6 febbario), e un omaggio in musica all’Orlando Furioso di Ludovico Ariosto nei cinquecento anni dalla prima pubblicazione (il 13 febbraio). Accanto alla ripresa della Stagione artistica 2015-16 si intensificano i progetti didattici e formativi a cura della Fondazione, a partire dal progetto appena lanciato in collaborazione con il Quartetto Gagliano e Fabrizio Romano “Quartet in Residence”, una iniziativa a scopo didattico-ricreativo che richiama una formula assai diffusa in Europa e negli Stati Uniti, ma finora inedita per la città di Napoli. Da un lato si propone il recupero delle cosiddette prove aperte al pubblico, e in particolar modo a scolaresche e gruppi di appassionati, con l’ascolto del processo creativo e la conoscenza dei repertori cameristici antichi e contemporanei; d’altra parte, si realizzano corsi di formazione musicale per singoli strumentisti e gruppi, rivolti a studenti, giovani professionisti e musicisti amatori, che potranno anche collaborare ed esibirsi con gli artisti in residenza, formando ensemble in sede (dal duo all’ottetto). I giorni 22, 23 e 24 gennaio 2016 si terrà la prima sessione delle audizioni (per informazioni: turchini.it oppure quartettogagliano.com). Con “Quartet in Residence” la Pietà de’ Turchini amplia il ventaglio dei suoi percorsi didattico-formativi dedicati alla musica, realizzando un progetto specifico sul quartetto d’archi e più in generale sulle formazioni cameristiche, che si aggiunge a quelli già attivi, e ai quali è possibile aderire, del Coro della Pietà de’ Turchini e del Coro delle Voci Bianche di San Rocco diretti dal maestro Davide Troìa, e al Laboratorio di tecnica e interpretazione vocale a cura di Maria Ercolano. Per quanto concerne l’alto perfezionamento sulla prassi esecutiva barocca strumentale e vocale il Centro accoglierà tra aprile e ottobre 2016 due star di assoluto prestigio come Enrico Onofri per una masterclass di violino (21-22 aprile) e Sara Mingardo per una masterclass di canto barocco  il 13/14/15 ottobre. Tutte le info su turchini.it.  

Concerto-presentazione del progetto “Quartet in Residence”

Comunicato stampa Fondazione Pietà de' Turchini

Comunicato stampa

 

Nasce “Quartet in Residence” della Pietà de’ Turchini

Musicisti in residenza alla Chiesa di San Rocco per prove aperte e corsi di musica

 

Concerto-presentazione del progetto

Mercoledì 13 gennaio 2016

ore 20.30

Chiesa di San Rocco a Chiaia (via Riviera di Chiaia 254, Napoli)

 

 

Nell’ambito di Re.Crea (Residenza Creativa a San Rocco a Chiaia) la Fondazione Pietà de’ Turchini promuove in collaborazione con il Quartetto Gagliano e il pianista Fabrizio Romano il progetto “Quartet in Residence”.

 

Si tratta di una iniziativa inedita a Napoli, una formula molto diffusa all’estero e ancora poco in Italia. L’ensemble con il pianista saranno in residenza presso la Chiesa di San Rocco a Chiaia, animando un programma dalla finalità didattico-musicali che prevede da un lato il recupero delle prove aperte al pubblico, e in particolare a scolaresche e gruppi di turisti, con l’ascolto del processo creativo e la conoscenza dei repertori dall’antico al contemporaneo, e dall’altro corsi di formazione musicale per singoli strumentisti e gruppi, rivolti a studenti, giovani professionisti e musicisti amatori, che potranno anche collaborare ed esibirsi con gli artisti in residenza, formando ensemble in sede (dal duo all’ottetto). La prima sessione delle audizioni è prevista nei giorni 22, 23 e 24 gennaio 2016 (per informazioni turchini.it oppure quartettogagliano.com). “Quartet in Residence” si dedicherà inoltre ad altri progetti speciali, nonché ad attività di studio e ricerca sul patrimonio cameristico napoletano e non solo.

 

Il Centro di Musica Antica Pietà de’ Turchini amplia così il ventaglio dei suoi percorsi didattico-formativi dedicati alla musica, realizzando un progetto specifico sul quartetto d’archi e più in generale sulle formazioni cameristiche, che si aggiunge a quelli già attivi del Coro della Pietà de’ Turchini e del Coro delle Voci Bianche di San Rocco diretti dal maestro Davide Troìa, e al Laboratorio di tecnica e interpretazione vocale a cura di Maria Ercolano.

 

Il “Quartet in Residence” sarà presentato con un vero e proprio concerto mercoledì 13 gennaio 2016 alle ore 20.30 presso la Chiesa di San Rocco a Chiaia (via Riviera di Chiaia 254, Napoli). I componenti dell’ensemble illustreranno al pubblico le modalità e le finalità del progetto, alternando agli interventi di parola l’esecuzione di alcune pagine tratte dalla  più significativa letteratura per quartetto, quali “LArte della Fug” di Johann Sebastian Bach, il Quartetto op. 96 detto “Americano” di Antonín Dvořák, la Sonata a 4 in re minore di Alessandro Scarlatti, il Quartetto n. 2 di Aleksandr Borodin, e il Quartetto n. 15 op. 132 di Ludwig van Beethoven. Introduce Federica Castaldo, direttrice artistica della Pietà de’ Turchini. Il concerto-presentazione è a ingresso libero.

 

INFOLINE: turchini.it – 081 402 395

 

Napoli, 11 gennaio 2016