Ensemble Villancico in “Serenissima una noche”: la prima data assoluta in Italia del concerto che svela il repertorio di musiche sacre e profane e di danze dell’America latina, tra tradizione del rinascimento europeo, canti natalizi in castigliano, tonadilla e negrinho afro-cristiano

Comunicato Stampa

Fondazione Pietà de’ Turchini

presenta

Ensemble Villancico in “Serenissima una noche”: la prima data assoluta in Italia del concerto che svela il repertorio di musiche sacre e profane e di danze dell’America latina, tra tradizione del rinascimento europeo, canti natalizi in castigliano, tonadilla e negrinho afro-cristiano

Martedì 4 dicembre ore 20.30
Chiesa di Santa Caterina da Siena
Via Santa Caterina da Siena, 38, Napoli


Martedì 4 dicembre alle ore 20.30 nella Chiesa di Santa Caterina da Siena (Via Santa Caterina da Siena, 38, Napoli),
 la Fondazione Pietà de’ Turchini ospita la prima esibizione assoluta in Italia di Ensemble Villancico, tra le più importanti formazioni al mondo nell’interpretazione delle musiche e danze antiche dell’America Latina, diretto dal musicologo e revisore danese Peter Pontvik. Ensemble Villancico suonerà l’unica data italiana di “Serenissima una noche”, il concerto che rivela la musica del Rinascimento e del Barocco proveniente dagli antichi codici degli archivi di cattedrali e istituti dell’America centro-meridionale, ricostruiti e trascritti dall’ensemble. Il programma offre pagine dal repertorio sacro e canzoni profane, forme abbinate alla danza e ulteriori espressioni affini al genere, quali la spagnola tonadilla, di matrice teatrale, o il negrinho afro-cristiano.

Ingresso a pagamento. Per informazioni

081402395, coordinamento@turchini.it, www.turchini.it

 

«Il repertorio di “Serenissima una noche” rappresenta alla perfezione l’idea che anima la nostra stagione musicale e il motivo per il quale abbiamo deciso di intitolarla “Note d’Altrove”. –spiega Mariafederica Castaldo, direttrice artistica della Fondazione Pietà de’ Turchini – Il lavoro dell’Ensemble Villancico e di Peter Pontvik riscopre infatti l’incontro tra la musica europea antica e le musiche tradizionali dei luoghi del mondo nei quali essa è arrivata, e con le quali si è contaminata. In questo caso, si tratta dell’approdo nel Nuovo Mondo della musica spagnola, quella “colta”, ma pure del villancico (diminutivo di villano, rustico, contadino), canto popolare natalizio in castigliano, e ancora, ad esempio, della tonadilla, sorta di opera popolare dalla quale deriva la zarzuela, e del negrinho, canto di preghiera degli schiavi convertiti. Tutte queste musiche hanno variamente incontrato i patrimoni di musiche e danze popolari di Ecuador, Messico, Perù, Bolivia, Panama, Cile, Guatemala e Colombia, creando combinazioni uniche».

L’Ensemble Villancico, danese, è composto dai soprano Jessica Bäcklund e Helena Wall Ströberg, Dan Johansson, controtenore e cembalista, il contralto Charlotta Hedberg, i tenori Love Tronner e Emanuel Roll, il baritono Yamandú Pontvik, il basso Erik Arnelöf. E gli strumentisti: Markus Ström ai flauti dolci, Karl Nyhlin alla chitarra barocca, Magdalena Mårding alla viola da gamba e Tomas Lindberg alla percussione. Infine, i ballerini Daniela Pontvik Valero e Niklas Blomqvist alla danza barocca. La formazione ha al suo attivo sette album e ha ricevuto, con “Hyhyhy – il nuovo libro della giungla del barocco” la nomina per il Grammis Recording Prize svedese.

Peter Pontvik, musicologo, si è formato in direzione di coro in Uruguay, e composizione al Royal College of Music di Stoccolma, in Svezia, nonché sotto Wolfgang Rihm al Karlsruhe State College of Music, Germania. Nel campo della musica antica ha studiato con Hans-Georg Renner. Le composizioni di Pontvik, profonda e inedita esplorazione del patrimonio della musica antica dell’America Latina, includono “Candombe” per orchestra di fiati, “Sagitra” per coro e “Missa Brevis”. Fondatore  dell’Ensemble Villancico nel 1995, ne è il direttore artistico. È anche il fondatore e il direttore artistico del Stockholm Early Music Festival dal 2002, è stato presidente del REMA (European Early Music Network) dal 2011 al 15 e attualmente è il presidente di NORDEM (Nordic Early Music).

 

Fondazione Pietà de’ Turchini

Ensemble Villancico
Peter Pontvik, direttore

“Serenissima una noche”

 

Ingresso a pagamento.

Biglietto intero € 10,00 | Biglietto ridotto € 7,00* Biglietto under 30 € 5,00 | Ingresso gratuito under 14, *over 60, Soci Fai, Feltrinelli Card, Wine&theCity Card, Artecard, Associati Distretto Culturale Siti Reali

Biglietti disponibili sul circuito online https://bit.ly/2SYMVb5 o in prevendita presso

Concerteria, via Schipa 23
MC Revolution, via Palermo 124
o al botteghino mezz’ora prima del concerto

Per informazioni 081402395, coordinamento@turchini.it, www.turchini.it
Programma:

Oy nuestra Reyna del cielo - Anonimo, Codice Ibarra, 1680, Ecuador
(Trascrizione: Peter Pontvik)

*
Una tonadilla nueva - Anonima, Codice Ibarra , 1680, Ecuador (Trascrizione: Peter Pontvik)

Maria todo es Maria – Anonimo, registrato in 1713 per Amedée François Frézier, Peru/Chile

Baile del chimo, Anonyma, Codice Martínez Compañón, Peru 1783-85
(Trascrizione: Peter Pontvik – coreografia: Kaj Sylegård/Daniela Valero)

*
Vamos a Belén - Anonima, Biblioteca Nazionale Sucre, Bolivia, secolo XVIII
(Trascrizione: Peter Pontvik)

Sagales a prisa - Anonima, Collezione Ascencio Pauta, Siglos XVIII/XIX, Loja, Ecuador (Trascrizione: Peter Pontvik)

Si el amor se quedare dormido - Juan de Araújo, 1646-1712, Bolivia/Panama
(Trascrizione: Robert Stevenson)

 

Vamos todos a ver - Joseph Hortuño, ?-1722, Anonimo, Codice Ibarra, 1680, Ecuador (Trascrizione: Peter Pontvik) 

*

Xácaras por primer tono di “Luz y Norte Musical” - Lucas Ruiz de Ribayaz (1626-?, attivo 1677 in Peru)Spagna/Peru (Coreografia: Kaj Sylegård/Daniela Valero)

Salve Regina - Gutierre Fernández Hidalgo, aprox. 1547-1623, Archivio della Cattedrale di Bogotá, Colombia, (Transcr: Robert Stevenson)
Curi muyito - Tradizionale, Secolo XVIII, Ecuador (Transcr: Juan Mullo)
Los coflades de la estleya - Juan de Araújo, Sucre-Peru-Panama 1646-1712 (Trascrizione: Robert Stevenson) 

Negrinho tiray vós la – Gaspar Fernandes, apross. 1570-1629, Messico
(Transcr: Aurelio Tello)

Canción de una pastorita al Niño Dios – Anonimo, Collezione Ascencio Pauta, Secoli XVIII/XIX, Loja, Ecuador (Trascrizione: Peter Pontvik)

Canción de un negro al Señor Dios – Anonimo, Collezione Ascencio Pauta, Secoli XVIII/XIX, Loja, Ecuador (Trascrizione: Peter Pontvik)

Gaytas y zarambeques (da “Luz y Norte Musical”) Lucas Ruíz de Ribayaz, España 1626-?, documentato en 1677, in Perú . (Coreografia: Kaj Sylegård/Daniela Valero)

*

La chacona me piden, vaya - Manuel Blasco, 1628-1697, attivo 1683-1695 in Quito – Codice Ibarra, 1680, Ecuador (Trascrizione: Peter Pontvik)

 

Serenissima una noche – Fray Gerónimo Gonzáles, apross 1633, Spagna/Messico

Tambalagumbá – Juan Gutiérrez de Padilla, apross. 1590 – 1664, Puebla, Messico

(Trascrizione: Ricardo Henríquez)


Fondazione Pietà de’ Turchini
Ufficio Stampa
Rosa Criscitiello
345 59 96 167
351 01 78 836
rosacriscitiello@gmail.com

Lascia un commento