Due interpreti di pregio per le Sonate di Mozart: Francesco Manara e Dario Candela in concerto a Napoli. Introduce Sandro Cappelletto

Logo_Fondazione_Turchini

Comunicato stampa

 

Lunedì 24 ottobre 2016

ore 20:30

Veranda Neoclassica di Villa Pignatelli – Napoli

Ingresso: 5 euro

Due musicisti di assoluto pregio saranno ospiti della Stagione 2016-17 della Fondazione Pietà de’ Turchini: il primo violino dell’Orchestra del Teatro alla Scala Francesco Manara e il pianista Dario Candela suoneranno lunedì 24 ottobre alle ore 20:30 nella veranda neoclassica di Villa Pignatelli a Napoli, per il secondo appuntamento dell’integrale “Le Sonate per violino e pianoforte di Mozart” promosso dalla Fondazione per il Centro Italiano per la Musica da Camera in collaborazione con Galleria Toledo e il Polo museale della Campania. Il concerto, introdotto dal critico musicale Sandro Cappelletto, propone la celebre K 454 n. 40 (Vienna, 1784), pagina ricca e ambiziosa in quanto scritta per una virtuosa del violino, l’italiana Regina Strinasacchi, che la eseguì in “prima assoluta” alla presenza dell’imperatore Giuseppe II. Tale brano sarà preceduto dalle sonate K 376 n. 24, K 377 n. 25 e K 380 n. 28, pubblicate nel 1781, a proposito delle quali l’autorevole rivista dell’epoca “Magazin der Musik” così riportò: “Queste sonate sono uniche nel loro genere, sono ricche di nuove idee, e mettono in luce il genio brillante del loro autore”. Le sedici “grandi” sonate di Wolfgang Amadeus Mozart trovano nel ciclo di esecuzione integrale una favorevole occasione per seguire l’evoluzione stilistica del genio di Salisburgo in tale genere, che rappresenta un paradigma da cui tutti i compositori successivi non potranno sottrarsi.

 

Fondazione Pietà de’ Turchini / Stagione 2016-17

Lunedì 24 ottobre 2016 – ore 20:30

Veranda neoclassica di Villa Pignatelli, Napoli

 

Le Sonate per violino e pianoforte di Mozart

Ciclo ideato per il Centro Italiano per la Musica da Camera

 

Francesco Manara, violino

Dario Candela, pianoforte

 

Wolfgang Amadeus Mozart

Sonata K 376 n 24 in Fa Maggiore

Sonata K 377 n 25 in Fa Maggiore

Sonata K 380 n 28 in Mi bemolle Maggiore

Sonata K 454 n 32 in Si bemolle Maggiore

 

Introduce Sandro Cappelletto

 

In collaborazione con Galleria Toldeo; Polo museale della Cmapania – Museo Aragona Pignatelli Cortes Ingresso: 5 euro

Info: 081 402395 – info@turchini.it – www.turchini.it

 

Francesco Manara

Francesco Manara ha frequentato il Conservatorio “G.Verdi” di Torino dove nel 1990 si è diplomato sotto la guida di M.Marin con il massimo dei voti, lode e menzione d’onore. In seguito, grazie ad una borsa di studio conferitagli dalla “De Sono Associazione per la Musica” si è perfezionato con G.Prencipe, F.Gulli, R.Ricci, S.Gheorghiu e ad Amsterdam con H.Krebbers. In formazione di duo violino e pianoforte ha studiato con F.Gulli/E.Cavallo e con P.Amoyal/ A.Weissenberg e si è diplomato presso la Scuola Superiore di Musica da Camera del Trio di Trieste, anche in formazione di trio. Nel 1992 è stato scelto da Riccardo Muti per ricoprire il ruolo di Primo Violino Solista dell’Orchestra del Teatro alla Scala ed ha vinto il primo premio al concorso a borse di studio indetto dall’Orchestra Filarmonica della Scala. Nel ruolo di spalla ha collaborato con direttori tra cui D.Baremboin, F.Bruggen, S.Bychkov, R.Chailly, G.Rozdestvenskij, W.Sawallish, J.Temirkanov, R.Ticciati. Ha collaborato in qualita’ di Primo Violino Solista con L’Accademia di Santa Cecilia, con la Bayerische Staatsoper Orchester e con la Royal Concertgebauw Orchestra. E’ stato premiato in numerosi Concorsi Internazionali tra cui il “J.Joachim” di Hannover, lo “A.Stradivari” di Cremona, lo “L.Spohr” di Freiburg, il “Dong-A” di Seoul, l’”ARD” di Monaco, il “Tchaikovsky” di Mosca (Premio speciale), il “N.Paganini” di Genova (Premio speciale), il CIEM di Ginevra (Primo Premio). Le affermazioni in tali concorsi lo hanno condotto presto verso una brillante carriera solistica che lo ha visto esibirsi con un centinaio di orchestre tra cui l’Orchestra della Suisse Romande, Bayrische Runfunk, Radio di Stoccarda, Radio di Hannover, Wiener Kammerorchester, Tokyo Symphony, Sinfonica Nazionale della RAI e, in più occasioni, la Filarmonica della Scala diretta da Riccardo Muti. Nel 1998 ha debuttato al Lincoln Center di New York con il Concerto op.61 di Beethoven. Il suo repertorio, che spazia da Bach ai contemporanei, comprende anche i 24 Capricci di Paganini, eseguiti integralmente più volte, e tutte le Sonate e Partite di Bach. Con l’Orchestra di Padova e del Veneto ha inciso il Concerto di B.Compagnoli (Dynamic) e con la Filarmonica della Scala diretta da Muti la Sinfonia Concertante di Mozart (Sony) con il violista Danilo Rossi. Ha inoltre effettuato registrazioni per la Radio di Monaco, per Radio France e per la Suisse Romande. È il fondatore del “Trio Johannes” con il quale ha inciso l’integrale dei trii con pianoforte di Brahms (per la rivista Amadeus) e il Trio Arciduca di Beethoven. Questa formazione cameristica è stata premiata al Concorso Internazionale di Musica da Camera del Trio di Trieste e a quello di Osaka, ed è risultata vincitrice del “Concert Artists Guild Competition” di New York. Nel 2002 il trio ha debuttato alla prestigiosa “Carnegie Hall” di New York. Dal 2001 Francesco Manara è inoltre il Primo Violino del “Quartetto d’Archi della Scala”, con il quale si è già esibito in tutta Italia e ha effettuato tournee in Sudamerica, Giappone, Stati Uniti, Francia, Germania, Svizzera. Docente di violino presso l’Accademia della Scala, la Scuola Musicale di Milano e l’Accademia di Alto Perfezionamento di Portogruaro, è stato invitato a tenere masterclass negli Stati Uniti (alla Manhattan School di New York), in Giappone, Colombia e Venezuela e ha tenuto corsi di qualificazione professionale per orchestra presso la Scuola di Musica di Fiesole e il Laboratorio Sperimentale di Spoleto, e corsi di violino all’Istituto Superiore di Musica “L.Perosi” di Biella. La famosa rivista “The Strad”, che lo ha più volte recensito, lo ha definito “un artista di notevole sincerità e profondità, pronto ad affrontare i più importanti palcoscenici del mondo “. Suona un Giovanbattista Guadagnini del 1773.

 

Dario Candela

La sua formazione è avvenuta a Napoli dove si è diplomato in pianoforte, in Musica corale e Direzione di coro e in Composizione, quindi in Francia dove è stato allievo di Aldo Ciccolini. Laureato in Lettere all’Università “Federico II” di Napoli, presso  la quale ha vinto una borsa di ricerca e collabora per progetti di ricerca musicologica. Ha inciso perla Phoenix Classice  Naxos e ha suonato in diretta perla RadioRAI3 e per Radio France. Ha partecipato a vari concorsi pianistici nazionali ottenendo 5 Primi premi. Premier prix à l’unanimité al Conservatorio Superiore Cortot di Parigi. Suona da solista e in varie formazioni cameristiche ed ha collaborato con i Virtuosi Italiani, i Solisti del San Carlo, Rocco Filippini, Alain Meunier, Antony Pay, Francesco Manara, Luca Signorini, e inoltre con Aldo Ciccolini, Bruno Canino e Roberto De Simone, in sedi e enti come il TeatroLa Fenicedi Venezia, Teatro Mercadante di Napoli, Teatro dela Commedie Francaisedi Parigi, Teatro delle Erbe di Milano, Università Bocconi di Milano, Accademia Filarmonica  e Dams di Bologna, Teatro Studio Auditorium della musica di Roma, Ass. Scarlatti di Napoli, e all’estero, Grecia, Francia, Germania, Slovenia, Svizzera.   Ha scritto musica per teatro in Francia (Winter Afternoons -premio alla creazione dal Ministero della Cultura Francese 2001;La Legendedes siecles di Victor Hugo, rappresentata al Teatro della Comédie Francaise; Le viceconsul) e in Italia (Erotismo barocco, rappresentato nei teatriLa Soffitta-Bologna, La pergola- Firenze, Nuovo-Napoli). Le sue musiche per Emily L. sono state pubblicate dalle Editions Armiane (Versailles). Ha avviato un progetto con altri compositori per far rivivere attraverso nuove musiche la tradizione folklorica delle danze del sud Italia (TaranTODAY) Ha lavorato come maestro concertatore per il Teatro Bellini di Napoli e per il Teatro Verdi di Salerno. Ha pubblicato saggi di musicologia per le Ediz.Scient.Italiane,la LIM,la Fond. Morra.L’Università Federico II e per Curci, recentemente, ha pubblicato il volume “conversazioni con Aldo Ciccolini”. Ha tenuto per 3 anni  un corso al Conservatorio San Pietro a Majella di Napoli sulla Fisiologia e Didattica pianistica, ripetuto poi in altri conservatori e ha scritto un volume sull’argomento intitolato “Il corpo e il suono” edito da Simeoli. E’ fondatore de Il Circolo Artistico  Ensemble che si occupa di riscoprire la musica del Novecento Italiano e con il quale svolge intensa attività concertistica e di ricerca, è Direttore della Biblioteca sul Novecento Musicale intitolata a Mario Pilati e fondatore del  Centro Italiano di Musica da Camera. Insegna musica da camera al Conservatorio di Cosenza.

 

IL SUONO DELLA PAROLA – II Edizione

aaa

aa

Il Suono della Parola II ed._Programma

Il Suono della Parola II ed._ Invito Inaugurazione

Il Suono della Parola II ed._Catalogo

 

A Napoli dal 22 al 27 ottobre e il 15 novembre

gli incontri di Letteratura e Musica

nell’ambito della stagione della Fondazione Pietà de’ Turchini

 

Tra gli ospiti della seconda edizione:

Ruggero Cappuccio, Giorgio Fontana, Matthieu Mantanus, Alessandro Rak, Dario Sansone, Luciano Stella, Diego De Silva, Giuseppe Montesano.

 Tornano a Napoli gli incontri della seconda edizione de IL SUONO DELLA PAROLA rassegna di Letteratura e Musica promossa dalla Fondazione Pietà de’ Turchini, a cura di MiNa vagante, con il patrocinio del Comune di Napoli. Dal 22 al 27 ottobre e il 15 novembre, la Chiesa di Santa Caterina da Siena e la Chiesa di San Rocco alla Riviera di Chiaia ospiteranno autori, musicologi e musicisti, scrittori e registi che racconteranno il proprio percorso nella musica e nella letteratura.

Inaugurerà, sabato 22 ottobre alle 18.30 nello splendido scenario  della Chiesa di Santa Caterina da Siena, “Da Shakespeare a Neruda” con Ruggero Cappuccio e Alberto Rollo per ascoltare la musica del teatro e della poesia, in occasione della pubblicazione del nuovo libro di Cappuccio “La prima luce di Neruda” (Feltrinelli, 2016).

Domenica 23 ottobre (Chiesa di San Rocco ore 12.00) Giorgio Fontana e Massimiliano Virgilio in “Ballata dell’amor perduto” ci accompagneranno, con il nuovo libro di Fontana “Un solo Paradiso” (Sellerio, 2016), in una storia d’amore e d’abbandono, in una Milano tra alcool e jazz.

Martedì 25 ottobre (Chiesa di Santa Caterina da Siena ore 18.30), il direttore d’orchestra e pianista Matthieu Mantanus, per la prima volta a Napoli, sarà il protagonista de “La musica in jeans” con Laura Valente per raccontarci il suo progetto rivoluzionario e la storia del libro “Beethoven e la ragazza coi capelli blu” (Mondadori, 2016).

Mercoledì 26 ottobre (Chiesa di San Rocco ore 18.30) “Gatta Cenerentola Teaser. Suite per parole, immagini e musica” sarà la proposta di Ivan Cappiello, Antonio Fresa, Marino Guarnieri, Alessandro Rak, Dario Sansone, Luigi Scialdone e Luciano Stella. Guidati da Conchita Sannino gli autori, registi e produttori del nuovo film in animazione della Mad Entertainment saranno i protagonisti di un viaggio tra musica, letteratura, cinema e altri linguaggi attraverso suoni e visioni.

Giovedì 27 ottobre (Chiesa di San Rocco ore 19.30) letteratura e musica si fonderanno nel reading-spettacolo “Letteratura in Jazz con il Trio Malinconico Band” con Diego De Silva che leggerà brani dei suoi libri (Einaudi), accompagnato dalla musica di Aldo Vigorito al contrabbasso e di Stefano Giuliano al sax.

Chiuderà la rassegna, martedì 15 novembre (Chiesa di Santa Caterina da Siena ore 18.30), in esclusiva a Il Suono della Parola in occasione della pubblicazione del suo nuovo libro (Giunti, 2016), l’incontro con lo scrittore Giuseppe Montesano che dialogherà con Antonio Franchini in “Lettori Selvaggi. Da Catullo a Maria Callas”.

 

 

IL SUONO DELLA PAROLA presenta incontri e momenti di approfondimento delle diverse forme di linguaggi e musica attraverso le preziose testimonianze di protagonisti del mondo culturale di oggi.

Siamo abituati a pensare che musica e parola seguano due strade, seppur vicine, ben distinte. Fedeli a logiche lontanissime, destinate a incrociarsi soltanto in rare occasioni. Eppure musica e letteratura soggiacciono alle stesse regole del suono, battono gli stessi toni. Si parla di musicalità delle parole, si discute delle cadenze delle lettere, si misura il tono in ogni discorso. Ogni vocabolo è un ritmo: la lingua compie i suoi passaggi tra denti e palato e produce nient’altro che musica. Al contrario si può trovare più letterarietà in una melodia che in un testo scritto. Diciamo poesia e facciamo musica ogni giorno, da tempi antichi, più di quanto ci rendiamo conto, alla ricerca costante dell’armonia delle parole, dell’armonia del suono.

La prima edizione della rassegna ha visto protagonisti nel 2015 Alessandro Baricco, Lidia Bramani, Michele Dall’Ongaro, Maurizio De Giovanni, Erri de Luca, Mario Martone, Antonio Monda, Nicoletta Polla Mattiot, Luciano Stella, Federico Vacalebre.

 

IL SUONO DELLA PAROLA è realizzato nell’ambito della Stagione 2016-2017 della Fondazione Pietà de’ Turchini che, da ormai 20 anni, promuove la diffusione di capolavori musicali, lo studio, la ricerca, la formazione, l’editoria e l’aggiornamento culturale nelle aree di incontro che la musica può avere con le altre espressioni artistiche e creative di ogni tempo e luogo.

La rassegna è realizzata in collaborazione con Librerie Feltrinelli, Ferrarelle, FAI Campania. Si ringraziano: GICA Design, Livio de Simone, Marlen Italy, Petrone dolce&salato, Mangiafoglia.

 

——————————————————-

 

IL SUONO DELLA PAROLA

22-27 ottobre e 15 novembre 2016

 

Sabato 22 ottobre ore 18.30 – Chiesa di Santa Caterina da Siena

Da Shakespeare a Neruda

Ruggero Cappuccio con Alberto Rollo

 

Domenica 23 ottobre ore 12.00 – Chiesa di San Rocco, Riviera di Chiaia

Ballata dell’amor perduto

Giorgio Fontana con Massimiliano Virgilio

 

Martedì 25 ottobre ore 18.30 – Chiesa di Santa Caterina da Siena

La musica in jeans 

Matthieu Mantanus con Laura Valente

 

Mercoledì 26 ottobre ore 18.30 – Chiesa di San Rocco, Riviera di Chiaia

Gatta Cenerentola Teaser. Suite per parole, immagini e musica 

Ivan Cappiello, Antonio Fresa, Marino Guarnieri, Alessandro Rak, Dario Sansone, Luigi Scialdone, Luciano Stella. Conchita Sannino condurrà la Suite.

 

Giovedì 27 ottobre ore 19.30 – Chiesa di San Rocco, Riviera di Chiaia

Letteratura in Jazz con il Trio Malinconico Band 

Diego De Silva

accompagnato da Aldo Vigorito al contrabbasso e Stefano Giuliano al sax.

 

Martedi 15 novembre ore 18.30 – Chiesa di Santa Caterina da Siena

Lettori Selvaggi. Da Catullo a Maria Callas

Giuseppe Montesano con Antonio Franchini

 

 

Ufficio stampa

MiNa vagante comunicazione e progetti culturali

Alessandra Cusani

mob. +39 329 6325838

alessandra.cusani@gmail.com

press@minavagante.com

Pietà de’ Turchini, al via la XIX Stagione 2016-17 Domenica 2 ottobre l’inaugurazione

 Comunicato stampa Fondazione Pietà de' Turchini

 

Comunicato stampa

 

Pietà de’ Turchini, al via la XIX Stagione 2016-17

Domenica 2 ottobre l’inaugurazione

 

Al via la diciannovesima stagione 2016-17 “Danze e… altre stravaganze” della Fondazione Pietà de’ Turchini presieduta da Marco Rossi, ideata dal Comitato Artistico con la direzione di Mariafederica Castaldo, che accanto a una ricercata ed esclusiva programmazione concertistica, proporrà incontri di parola, progetti per le scuole, percorsi formativi e divulgativi e altri amatoriali sul canto e la danza barocca.

L’inaugurazione è domenica 2 ottobre2016 alle 18 al Museo Villa Pignatelli Cortes a Napoli. In collaborazione con il Polo Museale della Campania, l’ensemble in residenza Concerto de’ Cavalieri diretto da Marcello Di Lisa eseguirà “Trumpet Stravaganza”, un programma pensato per uno dei più straordinari virtuosi della tromba barocca,Andrea Di Mario. Sulle note diCorelli, Albinoni, Vivaldi, Torelli e Händel, il pubblico potrà sperimentare la ricchezza espressiva e l’ispirazione che uno strumento come la tromba naturale suggerì ai più noti compositori europei tra Sei-Settecento.

Dal 6 all’8 ottobre, esperti e studiosi internazionali si riuniranno a Napoli per il convegno “Il mondo di Gennaro Magri: danza, musica e opera a Napoli nell’Europa dei Lumi”, con conferenze-spettacolo e performance coreutiche aperte al pubblico. L’iniziativa è promossa dall’Università Sorbonne di Parigi in collaborazione con la Pietà de’ Turchini, il Centro internazionale di danza di Parigi, la Seconda Università degli Studi di Napoli, Memus-Teatro di San Carlo e Palazzo Zevallos di Stigliano, e il patrocinio dell’UNESCO e dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli.

Il 13 ottobre a Villa Pignatelli, Soqquadro Italiano, originale e innovativo gruppo della scena internazionale, noto per le sue creazioni che uniscono linguaggi espressivi diversi, debutterà a Napoli con la voce di Vincenzo Capezzuto e la regia di Claudio Borgianni in un concerto che accosta Monteverdi, Ortiz, Kapsberger, Strozzi, e Gino Paoli, Limiti e Bruno Canfora.

Dal 24, il ciclo “Le sonate per violino e pianoforte di Mozart” in collaborazione con il Centro Italiano per la Musica da Camera, proseguirà con il pianista Dario Candela e i violinisti Francesco Manara ed Heloise Geoghelan,

Il 3 novembre al Teatrino di Corte di Caserta, Carlo Vistoli e Stefano Demicheli condurranno il pubblico alla scoperta delle “Note regali: la musica secondo l’epistolario di Carlo di Borbone”, progetto speciale ideato per le Celebrazioni per il sovrano.

Il 18 novembre alla Galleria Toledo, spazio inedito per la Fondazione, Andrea De Carlo dirigerà l’oratorio di Alessandro StradellaEster liberatrice del popolo ebreo”, con mise en espace di Cesare Scarton, coproduzione i festival Stradella di Nepi, Pergolesi-Spontini di Jesi e Grandezze e Meraviglie di Modena, e la Società Barattelli dell’Aquila.

Al Museo Archeologico Mann, il 3 dicembre l’ensemble giovanile Talenti Vulcanici della Pietà de’ Turchini – che rilancia il progetto per il prossimo triennio con un nuovo organico – con la direzione di Stefano Demicheli affiancherà Francesca Aspromonte in un recital sui più suggestivi brani sulla Natività di autori di Scuola Napoletana del Sei e Settecento.

Si rinnova la collaborazione con MiNa Vagante di Piera e Alessandra Cusani, per la seconda edizione de “Il suono della parola”, rassegna di letteratura e musica che da ottobre accoglierà scrittori, musicisti, registi e giornalisti, in incontri e conversazioni per raccontare il proprio personale percorso tra musica e letteratura. Tra gli ospiti, Matthieu MantanusDiego De Silva, Ruggero CappuccioLuciano Stella, Alessandro Rak e molti altri ancora.

La programmazione si svolgerà in prestigiosi luoghi di musica e d’arte cittadini e nelle chiese di Santa Caterina da Siena e di San Rocco a Chiaia, sedi della Fondazione e dei percorsi corali per adulti e bambini guidati da Davide Troìa, degli incontri con le scuole per il ciclo “Pane&Musica”, nonché di un nuovo percorso dedicato alla chitarra a cura di Clara Campese e di molte altre “stravaganze”.

La programmazione della seconda parte della Stagione, che verrà resa nota in seguito, da gennaio 2017 comprenderà tra l’altro una pagina dal barocco sudamericano alquanto inedita per Napoli con uno degli ensemble più autorevoli del genere, Villancico diretto dal paraguaiano Peter Pontvik, e ancora la ripresa della sezione aperta lo scorso anno per promuovere laScuola compositiva contemporanea” napoletana con la supervisione di Gaetano Panariello e l’ensemble La. Vi. Co. nella doppia veste di autori ed esecutori. 

Informazioni su date e programmi dettagliati: www.turchini.it – info@turchini.it – pagine fb della Fondazione.

 

Stagione 2016/2017 “Danze e… altre Stravaganze”

Appuntamenti da ottobre a dicembre 2016

 

Domenica 2 ottobre ore 18.00 
Museo Diego Aragona Pignatelli Cortes, Napoli

Trumpet Stravaganza

Ensemble Concerto de’ Cavalieri
Andrea di Mario
, tromba
Marcello Di Lisa
, clavicembalo e direzione

Musiche di Corelli, Albinoni, Vivaldi, Torelli e Händel

———————————————————————————————————————————————–

Da giovedì 6 a sabato 8 ottobre, Napoli
Memus-Teatro San Carlo, Gallerie d’Italia-Palazzo Zevallos Stigliano, Chiesa di Santa Caterina da Siena

Il mondo di Gennaro Magri: danza, musica e opera a Napoli, nell’Europa dei Lumi

Convegno Internazionale in collaborazione con Paris-Sorbonne, (labex OBVIL, ELCI, REIGENN), il CND (Centro nazionale della danza di Parigi, l’Associazione ACRAS (Francia)

Con il patrocinio morale della Commissione Nazionale italiana dell’UNESCO, il Comune di Napoli, la Fondazione del Teatro San Carlo, l’Institut français Napoli, la Seconda Università di Napoli e l’Associazione AIRDANZA (Italia)

 

Nell’ambito del convegno
venerdì 7 ottobre ore 18.30
Chiesa di Santa Caterina da Siena, Napoli

Le Contraddanze di Gennaro Magri

Letizia Dradi e Ornella Di Tondo

———————————————————————————————————————————————–

Giovedì 13 ottobre ore 20.30
Museo Diego Aragona Pignatelli Cortes, Napoli

Il cielo in una stanza

Kapsberger, Limiti, Strozzi, Soffici, Monteverdi, Ortiz, Paoli, Canfora

Soqquadro Italiano
Vincenzo Capezzuto
, voce
Claudio Borgianni, regia
Luciano Orologi, sax
Simone Vallerotonda, tiorba

———————————————————————————————————————————————–

Venerdì 14 ottobre ore 18.00
Chiesa di Santa Caterina da Siena, Napoli

Il cantiere della voce a cura di Sara Mingardo

Pierfrancesco Borrelli, cembalo e pianoforte
Allievi della masterclass

———————————————————————————————————————————————–

Sabato15 ottobre ore 20.30
Chiesa di San Rocco a Chiaia, Napoli

24 mani
Composizioni originali e arrangiamenti di temi famosi dell’opera lirica italiana e della tradizione napoletana

In collaborazione con Pianocity

Al pianoforte: Giuseppe Aprea, Giuseppe Leone, Emily Previte, Lorenzo Corrado, Giosuè Salzillo, Rosario Ariosto, Francesco Capozzi, Sossio Noviello, Gianluca Pacilio, Antonella Giovanelli, Luca Scognamiglio, Fabio Maggio

———————————————————————————————————————————————–

Lunedì24 ottobre ore 20.30
Museo Diego Aragona Pignatelli Cortes, Napoli

Per il ciclo “Le sonate per violino e pianoforte di Mozart”
In collaborazione con il Centro Italiano per la Musica da Camera

Introduce Sandro Cappelletto
Francesco Manara
, violino
Dario Candela
, pianoforte

———————————————————————————————————————————————–

Giovedì3 novembre ore 19.00
Teatro di Corte della Reggia, Caserta

Note regali: la musica secondo l’epistolario di Carlo di Borbone

Carlo Vistoli, controtenore
Stefano Demicheli
, clavicembalo

Progetto speciale nell’ambito del Convegno Internazionale per le celebrazioni del terzo centenario della nascita di Carlo di Borbone

———————————————————————————————————————————————–

Venerdì 18 novembre ore 20.30
Galleria Toledo, Napoli

Ester liberatrice del popolo ebreo
Oratorio di A. Stradella. Libretto di Lelio Orsini
Ensemble Mare Nostrum

Andrea De Carlo, direttore

Cesare Scarton, mise en espace

Costumi dell’Accademia di Belle Arti di Roma curati da Isabella Chiappara

In collaborazione con Galleria Toledo, Festival Stradella di Nepi, Società Barattelli dell’Aquila, Festival Grandezze e Meraviglie di Modena, Festival Pergolesi Spontini di Jesi
———————————————————————————————————————————————–

Sabato3 dicembre ore 20.30
Chiesa di Santa Caterina da Siena, Napoli

Napoli Barocca per la Natività

Musiche di Sabatino, Provenzale, Alfonso Maria de’ Liguori, Mancini

Francesca Aspromonte, soprano
Talenti Vulcanici
Stefano Demicheli, direttore   
———————————————————————————————————————————————–

Lunedì 12 dicembre ore 11.00
Istituto Italiano per gli Studi Filosofici, Napoli

Per il ciclo “Le sonate per violino e pianoforte di Mozart”
In collaborazione con il Centro Italiano per la Musica da Camera

Introduce Riccardo Scognamiglio
Heloise Geoghehan, violino
Dario Candela, pianoforte

Concertosa 2016

Cattura

certosa

CERTOSA  E  MUSEO  DI  SAN  MARTINO

CONCertosa 2016

Nuove generazioni di musicisti

17 giugno- 1 luglio 2016

 Dopo il grande interesse e il successo riscossi lo scorso anno dalla rassegna Concertosa, che ha visto protagoniste alcune tra le più note orchestre giovanili dei quartieri di Napoli, la seconda edizione della manifestazione, organizzata dal Polo Museale della Campania e sostenuta dall’Associazione Amici di Capodimonte ONLUS e da Le Nuvole/ Casa del Contemporaneo, con il  patrocinio del Comune di Napoli, è dedicata all’importante ruolo educativo della musica per l’infanzia e per l’adolescenza.

Riferendosi al concetto della musica come linguaggio universale, mezzo di formazione ed elevata espressione dell’individuo, il Museo di San Martino propone una serie di incontri con orchestre e gruppi musicali composti da ragazzi provenienti da percorsi didattici, esperienze formative ed educative diversi.

Saranno coinvolte le scuole medie, dove i ragazzi apprendono le conoscenze basilari della musica e si avvicinano allo studio di uno strumento; le orchestre giovanili; le accademie e le associazioni, dove questi studi maturano e si perfezionano, spesso orientandosi verso scelte professionali. I gruppi che, invitati a partecipare, hanno aderito all’iniziativa sono: il Consort Pergolesi, l’orchestra dell’ istituto secondario di I grado Pirandello – Svevo, il Coro della Pietà dei Turchini e il Coro di voci bianche di San Rocco, l’Accademia AEMAS, l’Orchestra Scarlatti junior.

Ogni appuntamento, nel seicentesco Chiostro dei Procuratori, sarà dedicato a una o più orchestre o gruppi musicali che, dopo l’esibizione, saranno accolti e accompagnati alla scoperta delle sezioni più importanti, al fine di arricchire l’esperienza artistica dei piccoli musicisti e delle loro famiglie.

 

Calendario delle esibizioni

venerdì 17 giugno ore 16.30

Consort Pergolesi e Orchestra della  Scuola Media Pirandello – Svevo;

 

domenica 19 giugno ore 10.30

Coro della Pietà dei Turchini e Coro di Voci bianche di San Rocco;

 

martedì 21 giugno, ore 16.30

una rappresentanza delle orchestre e dei gruppi partecipanti

 

venerdì 24 giugno ore 16.30

Accademia Aemas- classe di violoncelli;

 

venerdì 1 luglio ore 16.30

Orchestra Scarlatti junior;

 

Martedì 21 giugno- in occasione della Festa europea della musica-  i visitatori, nel corso del pomeriggio, addentrandosi nelle sezioni più suggestive della Certosa e accompagnati dagli studenti del Liceo Pansini (nell’ambito del progetto alternanza scuola-lavoro) saranno accolti da inaspettati momenti musicali eseguiti da rappresentanze delle giovani orchestre che partecipano alla nuova edizione di Concertosa.

 

Coordinamento: Rita Pastorelli, Michele Iodice, Alessandra Gallo.

 

La partecipazione ai concerti  è inclusa nel biglietto di ingresso al museo.

Pietà de’ Turchini, sabato 14 e domenica 15 maggio Due giorni per riscoprire la musica strumentale napoletana del Sei-Settecento Enrico Gatti e l’ensemble Aurora eseguono brani di Marchitelli, Leo e altri autori

Sabato 14 maggio, conferenza e concerto per riscoprire rare pagine
della musica strumentale napoletana del Sei-Settecento

Enrico Gatti e l’ensemble Aurora eseguono brani di Marchitelli, Leo e altri autori

Rare pagine di musica strumentale napoletana del Sei-Settecento saranno al centro della conferenza e del concerto promossi dalla Pietà de’ Turchini sabato 14 maggio a Napoli nella Chiesa di Santa Caterina da Siena, nell’ambito della stagione in corso e del Maggio dei Monumenti. Con Enrico Gatti e l’Ensemble Aurora, interpreti del barocco di fama internazionale, e con il contributo di musicologi e studiosi tra cui Guido Olivieri e Paologiovanni Maione, verrà narrato un repertorio poco conosciuto ma di grande interesse, in cui la musica antica si fonde con lo stile galante e con il virtuosismo, nel segno di un particolare estro che lo storico inglese Charles Burney riconobbe ai musicisti napoletani del ‘700, e che definì “the fiery genius”, “genio focoso”. Il programma toccherà storie e produzione di importanti autori quali Pietro Marchitelli, primo violino della Cappella Reale, Giovanni Carlo Cailò, grande didatta di strumenti ad arco, Nicola Fiorenza, Leonardo Leo, Antonio Avitrano e Francesco Paolo Supriani, autore del primo metodo di studio italiano per violoncello, e Carlo Cotumacci, allievo di Alessandro Scarlatti. Alle ore 11 si terrà la conferenza dal titolo “La musica strumentale e la Real Cappella dal Viceregno a Carlo di Borbone”; alle ore 20.30, nel concerto “The fiery Genius” Gatti e la sua formazione eseguiranno tra l’altro la peculiarità tutta napoletana delle composizioni per tre violini e basso continuo. Il concerto è in replica domenica 15 nell’itinerario “Ascesa barocca” a cura di Progetto Museo per il Maggio dei Monumenti.

° ° °
Sabato 14 maggio, ore 11.00
Chiesa di Santa Caterina da Siena – Napoli
Conferenza: “La musica strumentale e la Real Cappella dal Viceregno a Carlo di Borbone”
Intervengono: Enrico Gatti, Guido Olivieri, Paologiovanni Maione, Domenico Antonio D’Alessandro, Francesco Nocerino, Renata Cataldi

Sabato 14 maggio, ore 20.30
Chiesa di Santa Caterina da Siena, Napoli
The fiery genius: estro e rigore nella musica strumentale napoletana (1650-1750)
Ensemble Aurora
Enrico Gatti, Marie Rouqié, Joanna Huszca, Sebastiano Airoldi, violini
Gaetano Nasillo, violoncello
Guido Morini, organo e clavicembalo
Maestro di concerto: Enrico Gatti
Introduce Guido Olivieri
Nicola Fiorenza (ca. 1700-1764), Concerto di violini e bsso
Giuseppe Antonio Avitrano (ca. 1670-1756), Sonata prima a quattro “L’Aurora” per tre violini col basso per l’organo
Pietro Marchitelli (1643-1729), Sonata VIII per due violini e basso
Carlo Cotumacci (1709-1783), brani da “Toccate per cembalo”
Giovanni Carlo Cailò (1659?-1722), Sonata a due violini e cembalo
Pietro Marchitelli (1643-1729), Sonata seconda per tre violini e basso
Francesco Paolo Supriani (1678-1753), Toccata Quinta a violoncello solo con la sua diminuzione
Giovanni Carlo Cailò (1659?-1722), Sonata a tre violini e organo
Giovanni Carlo Cailò (1659?-1722), Sonata per violino e basso continuo
Leonardo Leo (1694-1744), Concerto per 4 violini e basso continuo
Con la partecipazione dei The University of Texas, Austin
Biglietto speciale per il Maggio dei Monumenti: 5 euro
Info: coordinamento@turchini.it oppure tel. 081.402395 (dalle 9.00 alle 15.00, dal lunedì al venerdì)
Con il sostegno dell’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli

Domenica 15 maggio ore 12.30
“Si suona a Napoli”
Guido Olivieri e Enrico Gatti introdurranno il pubblico all’ascolto di pagine rare del repertorio per archi tra Sei e Settecento a Napoli, nell’ambito del progetto “Ascesa barocca” a cura dell’Associazione Progetto Museo per il Maggio dei Monumenti 2016.
Per info e prenotazioni: info@progettomuseo.com 081440438 lun – ven 10.00-14.00 www.progettomuseo.com
Ideazione del progetto Paologiovanni Maione
In collaborazione con Wine&theCity

 

Sabato 21 maggio, Napoli. In Villa Pignatelli, la Pietà de’ Turchini riscopre “Festa di Bacco” di Leonardo Vinci. Spettacolo-concerto con Morace e Bridelli. Notte Europea dei Musei; collaborazione con Wine & the City

 

 

La stagione 2015-16 della Fondazione Pietà de’ Turchini si chiude con un’importante operazione storico-musicale: sabato 21 maggio alle ore 20 a Napoli nel Museo Villa Pignatelli, verrano proposte in uno spettacolo-concerto alcune delle arie superstiti della “Festa di Bacco” (1722) musicata da Leonardo Vinci, esponente di spicco della Scuola napoletana.

L’appuntamento vuole evocare l’atmosfera delle memorabili rapprentazioni del titolo avvenute nel 1722 al Teatro Fiorentini di Napoli e nel 1732 al Teatro Nuovo. Scritta dal librettista Francesco Antonio Tullio, “Festa di Bacco” è un’azione arcadica ambientata nella campagne del napoletano, durante i riti propiziatori per la vendemmia.

L’opera fa parte del catalogo vinciano di commedie di cui resta soltanto frammentaria memoria. Le arie superstiti del titolo sono conservate presso la Santini-Bibliothek di Münster (Germania).
Lo spettacolo-concerto è ideato dal musicologo Paologiovanni Maione. La drammaturgia è di Filippo Morace, basso, in pedana con il soprano Giuseppina Bridelli e l’ensemble Talenti Vulcanici della Pietà de’ Turchini diretto da Stefano Demicheli.

La revisione della partiture è di Giacomo Sances.

Il progetto, in programma nella Notte Europea dei Musei, si lega al sito dell’Opera Buffa curato dalla Fondazione, e ha ottenuto il patrocinio del comititato Leonardo Vinci Opera Omnia.

Il tema di questa ”commedeja pe’ mmuseca” ha offerto l’opportunità alla rassegna “Wine & the City” di accompagnare con degustazioni di vino l’esecuzione.

Imaginarium Ensemble – 20 aprile 2016

                                 FONDAZIONE
Pietà de’ Turchini
NAPOLI
Mercoledì 20 aprile 2016, ore 20,30
Chiesa di Santa Caterina da Siena
Via Santa Caterina da Siena, 38

                Imaginarium Ensemble
Il Malinconico ed il Sanguigno

Enrico Onofri violino solo e direzione musicale
Alessandro Palmeri violoncello
Simone Vallerotonda arciliuto
Riccardo Doni clavicembalo ed organo

Musiche di Giovanni Bassano, G. Battista Fontana, G. Antonio Pandolfi Mealli, Elisabeth Jacquet de la Guerre, Antonio Vivaldi, F. Antonio Bonporti, Francesco Maria Veracini.

In antico si credeva che la personalità dell’Uomo fosse regolata da quattro umori che si mescolavano all’interno del corpo, rendendo le persone malinconiche, colleriche, flemmatiche o sanguigne a seconda dell’equilibrio  dei vari flussi umorali.
L’idea che la musica possa curare le affezioni dell’animo umano diede origine alla cosiddetta “teoria degli affetti”, una prassi compositiva che possiamo dire essere la chiave di volta della creazione musicale in età barocca.
In particolare, si pensava che l’antitesi tra caratteri musicali differenti e contrastanti in un brano potesse smuovere le passioni dell’ascoltatore portandole  al riequilibrio.
Questo viaggio musicale che parte dai primi anni del Seicento fino al tardo Barocco esplora dunque brani in cui prevalgono e contrastano due particolari umori – quello malinconico e quello  sanguigno – attraverso il loro alternarsi. Il programma ha naturalmente un particolare riguardo nei confronti della malinconia, intesa non come semplice tristezza, bensì come un pervasivo stato di sognante impotenza ed inadeguatezza prossima alla depressione, che si alterna a volte a brevi stati di gioia ed  esaltazione, ma in grado di portare ad una profonda introspezione, e proprio per questo riconosciuta da sempre quale caratteristica principale dell’artista, che può così cogliere aspetti della realtà a volte preclusi agli audaci ed ai collerici.
Enrico Onofri

 

IMAGINARIUM Ensemble
Fondato e diretto da Enrico Onofri, IMAGINARIUM Ensemble (letteralmente “il luogo delle immagini”) annovera musicisti che provengono tutti da importanti ensemble specializzati nell’interpretazione del repertorio preromantico. Nel 2006 IMAGINARIUM Ensemble ha pubblicato con grande successo per Zig-Zag Territoires l’album “La voce nel violino”, dedicato al grande repertorio strumentale del primo barocco italiano, a cui sono seguiti un album dedicato alle sonate per violino di Vivaldi (Sony/Deutsche Harmonia Mundi) ed uno al Trillo del Diavolo di Tartini ed altre musiche virtuosistiche per violino di Veracini e Bonporti per l’etichetta Passacaille, per la quale ha in seguito pubblicato l’integrale delle Sonate Opera Quinta di Arcangelo Corelli in due volumi.
Enrico Onofri è nato a Ravenna. Ancora studente è invitato da J.Savall come primo violino de La Capilla Reial e collabora con ensemble quali Concentus Musicus Wien, Concerto Italiano, Ensemble Mosaiques, ecc.  Dal 1987 al 2010 Enrico Onofri è stato concertmaster e solista dell’ensemble Il Giardino Armonico.

Dal 2002 Enrico Onofri si dedica anche all’attività di direttore, riscuotendo successo di pubblico e critica, e ricevendo inviti da orchestre, festival e teatri d’opera in tutta Europa, Giappone e Canada. Fino al 2013 è stato direttore principale di Divino Sospiro. Dal 2006 collabora in qualità di direttore invitato con la Orquesta Barroca de Sevilla. Dirige inoltre Camerata Bern, Festival Strings Lucerne, Kammerorchester Basel, Bochumer Symphoniker, Orchestra Ensemble Kanazawa, Cipango Consort Tokyo, Real Orquesta Sinfonica de Sevilla, Orchestre de Clermont Ferrand, Orchestre de l’Opéra de Lyon, ecc.

E’ il fondatore di Imaginarium Ensemble.

Riscuotendo i massimi consensi di pubblico e di critica, E.Onofri si è esibito nelle più importanti sale del mondo, collaborando inoltre con artisti quali C.Bartoli, N.Harnoncourt, G.Leonhardt, K.&M.Labèque, C.Coin, ecc.

Molti dei numerosi CD (Teldec, Decca, Astrée, Naive, Deutsche Harmonia Mundi/Sony, Passacaille, Nichion, Winter&Winter, Opus111, Virgin, Zig Zag Territoires, ecc.) da lui incisi sono stati insigniti dei più prestigiosi premi internazionali.
Dal 2000 è docente di violino barocco presso il Conservatorio Bellini di Palermo, ed è regolarmente invitato a tenere seminari e master class in tutta Europa, Canada e Giappone; è stato tutor e direttore invitato della EUBO, European Union Baroque Orchestra, e nel 2011 la Juilliard School lo ha invitato a tenere una masterclass a New York.

http://www.enricoonofri.com

Per informazioni:

http://www.turchini.it/it/concerti-eventi/160/il_malinconico_e_il_sanguigno/

Tel. 081 402395

Bando di audizioni per l’ensemble giovanile Talenti Vulcanici della Fondazione Pietà de’ Turchini

FONDAZIONE PIETA’ DE’ TURCHINI

 

Comunicato stampa

 

Bando di audizioni per l’ensemble giovanile Talenti Vulcanici
della Fondazione Pietà de’ Turchini

 

Il Centro di Musica Antica Pietà de’ Turchini di Napoli indice delle audizioni, volte a costituire l’organico della propria formazione strumentale per la programmazione dei prossimi tre anni di attività (seconda metà 2016-2018).

 

Le audizioni sono indette per i seguenti strumenti: violino; viola; violoncello; liuto e tiorba; contrabbasso; clavicembalo e organo; oboe; fagotto

 

Le audizioni si svolgeranno:
il 22 maggio 2016, Napoli: luogo ed orario da definire
il 23 maggio 2016, Napoli: luogo ed orario da definire
il 28 maggio 2016, Torino: luogo ed orario da definire

 

Saranno prese in considerazione le domande di partecipanti nati dal 1983 in poi, i quali avranno restituito compilato il modulo allegato unitamente ad un breve curriculum vitae e al programma che si intende eseguire tramite email a coordinamento@turchini.it, fax a 081402395 o posta entro il 15/05/2016.

 

È possibile consultare e scaricare il bando sul sito http://www.turchini.it/it/attivita/didattica/59/bando_di_audizioni_per_l_ensemble_giovanile_talenti_vulcanici_della_fondazione_piet___de__turchini/

 

Sulla rotta di Vienna, da Sacchini a Beethoven

Fabio D’Onofrio e Quartetto Delfico in concerto per la Pietà de’ Turchini
“Sulla rotta di Vienna, da Sacchini a Beethoven” verrà proposto
venerdì 8 aprile a Palazzo Zevallos di Stigliano

 

Venerdì 8 aprile 2016 – ore 20.30
“Gallerie D’Italia” Palazzo Zevallos di Stigliano
(via Toledo 185 – Napoli)

 

Venerdì 8 aprile 2016 alle ore 20.30 alle “Gallerie d’Italia” Palazzo Zevallos di Stigliano a Napoli, per la stagione 2015-16 la Fondazione Pietà de’ Turchini ospita Fabio D’Onofrio, primo oboe dei Wiener Akademie Orchester, e il Quartetto Delfico, al suo debutto napoletano, nel concerto “Sulla rotta di Vienna, da Sacchini a Beethoven”, un viaggio musicale che dall’Italia di fine Settecento porta ai capolavori della musica da camera europea. Il programma propone il “Quartetto n. 6” di Antonio Sacchini, il “Quartetto n. 2” di Johann Baptist Vanhal, il “Quartetto n. 2 op. 18” di Ludwig van Beethoven e ancora di Vanhal il “Quartetto n. 6”. Il concerto è il secondo degli appuntamenti promossi in stagione dalla Pietà de’ Turchini presso Palazzo Zevallos di Stigliano, con solisti ed ensemble in scena per la prima volta a Napoli, in questo luogo simbolo di quella committenza privata ed aristocratica che fu artefice della straordinaria fioritura e innovazione musicale nell’Europa del XVIII secolo.  Biglietti: 10 euro (acquistabili mezz’ora prima del concerto o azzurroservice.net). Info: coordinamento@turchini.it oppure tel. 081.402395 (dalle 9.00 alle 15.00, dal lunedì al venerdì).

La Pietà de’ Turchini per la Giornata Europea della Musica “Intrecci per un Miserere”, brani di Lotti e Leo, e una prima esecuzione di Jommelli

FONDAZIONE

PIETA’ DE’ TURCHINI

Comunicato stampa

 

La Pietà de’ Turchini per la Giornata Europea della Musica Antica
“Intrecci per un Miserere”, opere di Lotti e Leo, e una prima esecuzione di Jommelli
con la partecipazione dei Cantori del Miserere di Sessa Aurunca

 

Lunedì 21 marzo 2016
ore 20.30
Chiesa di Santa Caterina da Siena
(via Santa Caterina da Siena 38, Napoli)

 

Per la Giornata Europea della Musica Antica, lunedì 21 marzo alle ore 20.30 nella Chiesa di Santa Caterina da Siena a Napoli, la Fondazione Pietà de’ Turchini propone la prima esecuzione in epoca moderna del primo dei “Miserere” di Niccolò Jommelli, datato 1750, in un concerto che accoglie altre due intonazioni del cinquantesimo salmo, alle quali quasi certamente si ispirò l’aversano: il “Miserere in re minore” di Antonio Lotti, che con molta probabilità Jommelli ascoltò durante il periodo veneziano, e il “Miserere in do minore” del 1739 di Leonardo Leo, suo maestro al Conservatorio della Pietà de’ Turchini, il cui uso a Napoli, perlatro, è testimoniato fino al 1920. Il programma, di grande suggestione storico-musicale e interamente dedicato al salmo musicato e adottato nelle liturgie della Settimana Santa, si intitola “Intrecci per un Miserere” e sarà eseguito dal Coro della Pietà de’ Turchini diretto da Davide Troìa con Emanuele Cardi all’organo, il Coro di Voci Bianche di San Rocco al suo debutto, e la partecipazione straordinaria dei Cantori del Miserere di Sessa Aurunca (Caserta), custode di un’antica tradizione vocale del “miserere” oggi candidata patrimonio Unesco. Introduce Michael Pauser, il musicologo tedesco che ha ispirato il programma e ha curato la revisione delle partiture. “Intrecci per un Miserere” sarà trasmesso in streaming sulla piattaforma remaradio.eu nell’ambito della quarta edizione della Giornata promossa dalla Rema (Rete Europea della Musica Antica), con ambasciatore René Jacobs, dedicata quest’anno al ricordo di Nikolaus Harnoncourt.

 

Biglietti: 7 euro (acquistabili mezz’’ora prima del concerto o azzurroservice.net).
Info:
coordinamento@turchini.it oppure tel. 081.402395 (dalle 9.00 alle 15.00, dal lunedì al venerdì).
_ _ _
Fondazione Pietà de
’ Turchini
Stagione 2015-16
Giornata Europea della Musica Antica – REMA
Lunedì 21 marzo 2016
ore 20.30
Chiesa di Santa Caterina da Siena (via Santa Caterina da Siena – Napoli)
Intrecci per un Miserere
Coro della Pietà de
’ Turchini
Coro delle Voci Bianca di San Rocco
Davide Troìa, direttore
Emanuele Cardi, organo
Con la partecipazione straordinaria di: Cantori del Miserere di Sessa Aurunca
Programma:
Antonio Lotti, Miserere in re min. per coro a 4 voci
Leonardo Leo, Miserere in do min. per soli, doppio coro a 8 voci, coro di voci bianche e basso continuo
Niccolò Jommelli, Miserere in re min. per soli, coro e basso continuo
Introduzione di: Michael Pauser, consulenza musicologica e revisione delle partiture
Biglietti: 7 euro
(acquistabili mezz’
’ora prima del concerto o azzurroservice.net)
Info:
coordinamento@turchini.it oppure tel. 081.402395 (dalle 9.00 alle 15.00, dal lunedì al venerdì)


————————————
Ufficio Stampa
dott. Paolo Popoli
tel 329 619 7910